Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
01 marzo 2013

Kakà, assist a Mou: "Mi piacerebbe fare di più per il Real"

print-icon
kak

Kakà ha buone chance di giocare il Clasico se José Mourinho deciderà di preservare alcuni giocatori in vista dell'incontro di martedì contro il Manchester United in Champions

Il brasiliano, alla vigilia del Clasico di Liga, manda messaggi allo Special One: "Abbiamo capito come giocare contro il Barça". Su CR7: "E' il giocatore più completo che esiste nel mondo del calcio. Vado d'accordo con lui, sia dentro che fuori dal campo"

Il brasiliano Ricardo Kakà si è lamentato oggi della sua posizione di secondo piano al Real Madrid, assicurando che gli piacerebbe fare "molto di più", anche se ha aggiunto che capisce la situazione, visto il buon momento che sta vivendo la squadra. "Mi piacerebbe fare molto di più a Madrid, ma capisco la situazione, so che ci sono giocatori molto bravi che stanno facendo bene, e che e' difficile, ma io continuo a lavorare molto", ha spiegato in conferenza stampa. "In ogni momento sapevo le condizioni in cui ero, quello che potevo dare e quello che posso continuare a dare alla squadra", ha aggiunto Kakà che ha parlato prima dell'incontro di domani contro il Barcellona, nel quale ha molte possibilità di essere titolare se il suo tecnico, José Mourinho, decide di preservare alcuni giocatori in vista dell'incontro di martedì contro il Manchester United in Champions.

"Non è stato facile passare dall'essere un protagonista ad un giocatore, tra virgolette, normale. Ma mi è servito per maturare, sia sul piano personale che professionale", ha assicurato il brasiliano che è tornato ad insistere sul suo obiettivo: essere al Mondiale che si terrà nel suo paese il prossimo anno. "Non ho parlato con Scolari (ct del Brasile ndr.). Non so se arriverà il momento di ritornare in nazionale, ma io devo essere pronto. Mi piacerebbe molto ritornare", ha commentato Kakà. "Io resterei a Madrid, senza nessun problema, ma ho sempre detto che non voglio essere un problema per il club. Se devo andare via lo farò, ma se devo restare qui lo farò da professionista. Ma è chiaro che mi piacerebbe giocare il Mondiale del mio paese".

Secondo Kakà le sue ultime prestazioni hanno elevato il suo livello di fiducia. "Le ultime partite che ho giocato con il Real mi hanno dato molta fiducia. Sono più tranquillo, faccio cose migliori, sto molto meglio in campo". Sotto l'aspetto collettivo il Real arriva al Clasico in una grande condizione. "La squadra gioca bene, con fiducia. Vogliamo continuare una settimana importante, per finirla al meglio contro il Manchester", ha proseguito Kakà. Sul nuovo clasico di domani, il fantasista spiega che "la squadra ha capito come deve giocare contro il Barça". Una sensazione rinforzata dopo il trionfo per 3-1 martedì al Camp Nou in Coppa del Re: "Ci siamo comportati molto bene, non abbiamo concesso occasioni al Barcellona. Siamo una squadra matura, molto capace".

Kakà crede che quel trionfo è prezioso in vista della sfida di Champions. "La partita di martedì ci ha dato molta fiducia, ora sappiamo che possiamo riuscire a raggiungere i nostri obiettivi, ovunque, al Camp Nou o all'Old Trafford. Domani dobbiamo continuare a guadagnare fiducia", ha aggiunto. Il Real Madrid arrivera' all'incontro di domani con 16 punti di svantaggio rispetto al Barcellona, leader della Liga, ma le merengues non hanno gettato la spugna nonostante i tanti punti di differenza. "Sappiamo che la distanza dal Barτa in campionato è molto grande, ma domani avremo l'opportunità di avvicinarci e arrivare a 13 punti dal Barça", ha assicurato il brasiliano. "Non pensiamo ad un Barcellona in crisi, pensiamo a quello che dobbiamo fare". Infine Kakà ha parlato di Cristiano Ronaldo: "E' il giocatore più completo che esiste nel mondo del calcio. Vado d'accordo con lui, sia dentro che fuori dal campo".