Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
29 aprile 2013

Brasile, ancora scontri e feriti sotto gli occhi di Pato

print-icon
sta

Ennesimo episodio controverso negli stadi brasiliani, prossimi palcoscenici della Confederations Cup e dei Mondiali 2014 (Foto Getty)

Durante Ponte Preta-Corinthians, semifinale del campionato paulista vinta 4-0 dal Timão , si sono verificate tensioni tra i sostenitori locali e la polizia: 14 feriti e 4 arresti. É ancora bufera nel Paese che ospiterà Confederations Cup e Mondiale

Gli ultimi aggiornamenti presentavano due morti durante l’inaugurazione dello stadio di Fortaleza, senza dimenticare il decesso di un operaio impegnato nei lavori all’Arena Palestra di San Paolo. Ma il bollettino del Brasile, paese ospitante della Confederations Cup tra meno di 50 giorni e dei prossimi Mondiali, avanza l’ennesimo conto in termini di violenza.
Stadio Moises Lucarelli, Campinas, teatro della semifinale del campionato paulista tra Ponte Preta e il Corinthians di Alexandre Pato. Il risultato finale è schiacciante per il Timão, 4-0 con le reti di Romarinho, Emerson, Guerrero e il 23enne ex milanista. Ma sugli spalti la situazione era degenerata già durante la seconda frazione, complici alcuni tafferugli intestini tra i sostenitori locali: la stampa brasiliana ha ricondotto la miccia ad un gruppo di tifosi della Macaca, che hanno aggredito persone senza la maglia del Ponte Preta accusandoli di essere "infiltrati" del Corinthians. Dopo l’intervento delle forze dell’ordine il contesto si è ulteriormente aggravato, con un bilancio di 14 feriti (quattro gravi) e quattro persone arrestate. Si tratta dell’ennesimo episodio tutt’altro che rassicurante, tra problemi a strutture e sicurezza, nel prologo del calcio mondiale in terra carioca.