Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
05 giugno 2013

Europeo Under 21, oggi il via: l'Italia contro l'Inghilterra

print-icon
ita

La foto ufficiale della rosa dell'Italia Under 21 a disposizione di Mangia per gli Europei di categoria (foto Figc)

ISRAELE 2013. A Tel Aviv alle 20.30 scendono in campo gli azzurrini di Mangia contro la nazionale di Stuart Pearce. Girone abbordabile con Norvegia e Israele. Il gruppo B è di ferro, con Spagna, Olanda, Germania e Russia

di Luciano Cremona

Lo scenario è inusuale e accattivante, Israele. Gerusalemme, Netanya, Tel Aviv, Petah Tiqwa: già centomila i biglietti venduti per la fase finale degli Europei Under 21 che cominciano oggi e si concluderanno con la finale del 18 giugno.

Per gli azzurrini allenati da Devis Mangia c'è l'obbligo quasi morale di accedere alle semifinali. Il torneo è composto da due gironi da quattro squadre ciascuno: le prime due vanno in semifinale. E il gruppo dell'Italia non è proibitivo. Il debutto, questa sera alle 20.30 (ora italiana), contro l'Inghilterra di Stuart Pearce. Alle 18 il via alla manifestazione con l'altra partita del gruppo azzurro, quella tra i padroni di casa di Israele e la Norvegia. Di ferro, invece, l'altro girone, composto dalla Spagna campione in carica, oltre che dalla Germania, dall'Olanda e dalla Russia.

GRUPPO A (Italia, Israele, Norvegia, Inghilterra)

Italia
La nazionale azzurra è quella con il maggior numero di titoli Europei vinti, ben cinque ('92, '94, '96, 2000 e 2004). Nel 2011 la mancata qualificazione. Ora arriva come una delle favorite, con il gruppo costruito da Mangia. Ci sono anche Regini e Saponara, dopo il tira e molla con l'Empoli. La fantasia di Insigne, la regia di Verratti e il blocco ex Inter in difesa sono gli ingredienti per andare lontano. Questi i convocati di Mangia.

Inghilterra
Il ct Stuart Pearce non sta attraversando un momento positivo. Dopo il fallimento olimpico, la sua posizione verrà valutata al termine dell'Europeo. Con la Football Association ci sono state delle incomprensioni: la nazionale maggiore ha trattenuto Oxlade-Chamberlaine, Walker e Welbeck. Nella prima giornata contro l'Italia non ci saranno gli squalificati Ince e Rose, due pedine fondamentali. In più Zaha non è al meglio della condizione. A tutto questo si aggiungono le assenze di McManaman, Shaw e Townsend, che ha dovuto abbandonare la nazionale per motivi disciplinari: è stato squalificato per quattro mesi dalla FA per aver violato la normativa sulle scommesse. I punti di forza restano una difesa impenetrabile (solo 3 gol subiti nel girone, ultime 9 partite senza incassare reti) e un portiere da nazionale maggiore, Butland. Palmares: vincitori dell'Europeo U-21 nel 1982 e nel 1984.

Israele
I padroni di casa sono alla loro seconda apparizione agli Europei, dopo quella del 2007. Il ct Guy Luzon lascerà la nazionale al termine del torneo: diventerà l'allenatore dello Standard Liegi. "Siamo una nazionale compatta, anche se al nostro interno ci sono giocatori ebrei, arabi, drusi, di origine etiope o russa", ha detto il ct. L'unico convocato che non gioca nel campionato israeliano è il classe '94 Omri Altman, in forza al Fulham.

Norvegia
Una squadra solida, che bada a difendere e a colpire sui calci piazzati. Le individualità ci sono, ma sono a disposizione della nazionale maggiore. Henriksen non volerà in Israele, mentre King, Nordveit e il gioiello Berisha salteranno il debutto con Israele e si aggregheranno all'Under di Tor Ole Skullerud il giorno prima della partita con l'Inghilterra. In sostanza, giocheranno solo con l'Italia. In campo la squadra dipenderà tanto dall'esperienza di Harmeet Singh, centrocampista del Feyenoord classe '90, già 35 presenze con l'Under. Palmares: terzo posto nel 1998; questa è la seconda apparizione.

GRUPPO B (Spagna, Olanda, Germania, Russia)
Spagna
I campioni in carica, selezionati da Julen Lopetegui, hanno un'unica preoccupazione: alcuni elementi chiave, soprattutto in difesa e a centrocampo, sono arrivati in Israele cotti da una stagione a ritmo elevato, fino al termine (ad esempio Inigo Martinez, difensore della Real Sociedad). Ma la batteria di giocatori già "grandi" a disposizione del ct è spaventosa: De Gea, Montoya, Bartra, Canales, Isco, Thiago Alcantara, Tello, Morata e Muniain. Ai quali si aggiunge Rodrigo, baby prodigio del Benfica. Che squadra! Palmares: vittoria nel 1986, 1998 e 2011.

Olanda
Il ct Cor Pot ha a disposizione, su 23 convocati, 12 giocatori che hanno già esordito nella nazionale maggiore. Kevin Strootman, capitano, è un faro del Psv. Ma gente come Ola John (Benfica) o Luuk de Jong (Borussia Monchengladbach) fa di quest'Olanda una nazionale da grandi. In porta il gioiellino Zoet, che è già in odore di diventare il prossimo portiere titolare della nazionale di Van Gaal. Palmares: vittoria nel 2006 e nel 2007.

Germania

Rainer Adrion ha a disposizione una nazionale ricca di talento anche se forse non al livello di quella vincitrice nel 2009 (quando giocavano Ozil, Hummels, Boateng, Neuer). Rode e Holtby rappresentano il top per una squadra che ha anche un giocatore che arriva dalla nostra Serie A, Mustafi della Sampdoria, e che tra i convocati ha tre giocatori che non hanno mai debuttato nell'Under: Emre Can, Ginter e Kolasinac. Palmares: vittoria nel 2009.

Russia
Basta un nome per spaventare tutte le altre: Alex Dzagoev, fenomeno del Cska, capace di segnare tre gol ad Euro 2012 con la nazionale maggiore. Sarà lui a guidare la nazionale di Nikolai Pisarev. Anche Shatov e Shennikov sono già nel giro della Nazionale maggiore. Occhio a Smolov, che nell'Anzhi si allena con Eto'o. Palmares: quarti di finale nel 1994 e settimo posto nel 1998.

IL CALENDARIO
5 giugno: Israele-Norvegia (ore 18); Italia-Inghilterra (ore 20.30, Tel Aviv)
6 giugno: Spagna-Russia (ore 18); Olanda-Germania (ore 20.30)
8 giugno: Inghilterra-Norvegia (ore 18); Italia-Israele (ore 20.30, Tel Aviv)
9 giugno: Olanda-Russia (ore 18); Germania-Spagna (ore 20.30)
11 giugno: Israele-Inghilterra (ore 18); Italia-Norvegia (ore 18, Tel Aviv)
12 giugno: Spagna-Olanda (ore 18); Russia-Germania (ore 18)
15 giugno: semifinale 1 (1B vs 2A) ore 17.30; semifinale 2 (1A vs 2B) ore 20.30
18 giugno: finale (ore 18.00, Gerusalemme)