Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
25 luglio 2013

Libertadores, rimonta Atletico Mineiro: Ronaldinho campione

print-icon
[an error occurred while processing this directive]

Vittoria ai calci di rigori per i brasiliani allenati da Cuca, che nella finale di ritorno restituiscono all'Olimpia il 2-0 dell'andata. L'ex rossonero diventa il settimo giocatore di sempre ad aver conquistato Champions e Libertadores. VIDEO

Per la prima volta nella sua storia, l'Atletico Mineiro conquista la Coppa Libertadores. Incredibile finale di ritorno a Belo Horizonte, dove la formazione brasiliana guidata da Cuca rimonta lo 0-2 dell'andata contro i paraguaiani dell'Olimpia Asuncion con i gol di Jo e Leonardo Silva e ai rigori la spunta per 4-3, complici gli errori dal dischetto di Herminio Miranda e Matias Gimenez. "Sono tornato in Brasile per questo - le parole di un raggiante Ronaldinho - Fino a qualche mese fa dicevano che io e Jo eravamo finiti ma abbiamo dimostrato che non sempre i giocatori sbagliano".

L'ex fuoriclasse di Barcellona e Milan ha suonato la carica sin dai primi minuti, impegnando il portiere dell'Olimpia Martin Silva, ma solo a inizio ripresa il Galo ha sbloccato il risultato con Jo, al settimo centro nella Libertadores. Poi la traversa colpita da Leonardo Silva, che si e' riscattato nel finale, siglando il 2-0 dopo che l'Olimpia era rimasto in dieci per il secondo giallo a Manzur. Nei supplementari altro legno per l'Atletico, stavolta colpito da Rever, poi i rigori e la festa per la Coppa e la qualificazione al Mondiale per club di dicembre in Marocco, dove per l'Europa ci sarà il Bayern Monaco di Guardiola.
"Questo club ha più di otto milioni di tifosi e non aveva mai vinto un titolo importante fino ad oggi, è un grande trionfo", il commento del tecnico Cuca. Ronaldinho, inoltre, diventa il settimo giocatore di sempre ad aver conquistato sia la Champions League (Barcellona 2006) che la Libertadores (Atletico Mineiro 2013). L'impresa, in passato, era riuscita a Nelson Dida (Cruzeiro 1997, Milan 2003 e 2007), Cafu (San Paolo 1993 e 1994 e Milan 2007), Roque Junior (Palmeiras 1999 e Milan 2003), Juan Pablo Sorin (Juventus 1996 e River Plate 1996), Carlos Tevez (Boca Juniors 2003 e Manchester United 2008) e Walter Samuel (Boca Juniors 2000 e Inter 2010).