Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
14 agosto 2013

Prandelli, ecco l'analisi: "Troppi errori, poca cattiveria"

print-icon
pra

L'allenatore dell'Italia, Cesare Prandelli (Foto Getty)

Insigne, autore di un gol capolavoro, è la nota più lieta per gli Azzurri, sconfitti 2-1 dall'Argentina . Il ct prova a cercare segnali positivi e fa i complimenti agli avversari: "Una squadra di grande qualità, tra le più forti"

"Abbiamo trovato una squadra di grande qualità, una delle più forti. Abbiamo commesso errori in uscita ma poi abbiamo fatto bene. Siamo mancati un po' vicino l'area di rigore. E' mancata un po' di cattiveria, ma la squadra ha fatto bene. Onore a questa Argentina". E' un Cesare Prandelli abbastanza soddisfatto, nonostante la sconfitta.
Adesso si torna a fare sul serio, gli azzurri sono attesi dalla Bulgaria per le qualificazioni mondiali. "Prima di parlare dei Mondiali ci dobbiamo qualificare, non siamo ancora qualificati". De Rossi potrà essere riproposto da difensore centrale? "Dobbiamo verificare alcune cose - spiega il ct azzurro - De rossi per me è andato molto bene". In evidenza i ragazzi della ex Under 21 come Verratti e soprattutto Insigne.  "Sono sono molto bravi, ma per la nazionale maggiore ci vuole tempo. Insigne? Tutti sono ragazzi che devono crescere e fare esperienza, ma Lorenzo ha qualità".
Messaggio finale all'atmosfera particolare per la dedica al Papa Francesco. "Questa amichevole - conclude Prandelli - l'abbiamo voluta tutti. Sono felice perchè abbiamo visto tante famiglie e tanti bambini ed è quello che volevamo. Siamo orgogliosi di aver portato 41 mila persone allo stadio il giorno prima di Ferragosto".

Insigne: "Che emozione il gol" - "Un'emozione bellissima per questo gol, provo sempre a fare questi tiri e questa sera è andata bene". Lorenzo Insigne è sicuramente tra le note più lieti di questa serata azzurra nell'amichevole con l'Argentina. "Io rispetto sempre le scelte del mister, sono gia' contento quando arriva la convocazione. L'influenza di Benitez sulla mia crescita? E' un ottimo allenatore, ho tanto da imparare da lui perchè ha vinto tanto e ci sa fare con i giovani, è importante ascoltarlo e non mollare mai".