Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
11 settembre 2013

Il tiqui taca è cambiato: non esalta più (quasi) nessuno

print-icon
[an error occurred while processing this directive]

FACCIA A FACCIA. Il verdetto della sfida tra Riccardo Trevisani e Michele Dalai è tutt'altro che felice, per la filosofia di calcio del Barcellona: la maggior parte di voi la considera solo una noia mortale

Una ragnatela di passaggi infinita, possesso palla esasperato in attesa dell'imbucata giusta. Il Barcellona di Guardiola ci ha costruito tutti i suoi successi, su quello che è universalmente noto come "tiqui taca".
Una filosofia di gioco che inizialmente ha incantato tutti, ma che alla lunga ha trovato anche diversi detrattori, amanti di un calcio giocato in maniera più aperta, in cui entrambe le squadre "partecipano" e non ce n'è una che fa semplicemente da spettatore.

Michele Dalai ci ha scritto addirittura un libro, "Contro il tiqui taca". Il titolo dice già tutto.
Riccardo Trevisani, invece, è noto per la passione con cui accompagna la manovra del Barça, cucita da geni del calcio come Iniesta, Xavi e Messi.

Sky Sport24 li ha messi contro in un faccia a faccia, sfidandosi sulla questione che divide tanti tifosi. Il grande perdente è il tiqui taca: secondo il 56% di voi ormai è solo una noia mortale, tutto il suo fascino è scomparso. Per sapere se abbia mantenuto la solita efficacia, invece, bisogna aspettare il verdetto del campo.