Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
12 settembre 2013

Ferguson ad Harvard: ecco le mie regole per il successo

print-icon
fer

Sir Alex Ferguson, la Champions e i suoi ragazzi del Man Utd

Sir Alex, il mitico ex coach del Manchester United, spiega alla Business Review della prestigiosa università americana, come si fa a vincere per 26 anni. Quali sono i pilastri del suo pensiero. Un modello di lavoro per tutti i manager

I pilastri del pensiero di Sir Alex Ferguson nero su bianco: li ha spiegati l'ex leggendario coach del Manchester United alla professoressa Anita Elberse della Harvard Business School, durante una lezione svoltasi all’inizio della passata stagione nella prestigiosa università americana. Tutto pubblicato, ora e per la prima volta, nell’edizione di ottobre della Harvard Business Review. Cosa occorre per reggere 26 anni alla guida del Manchester United, vincendo 13 campionati e 25 trofei nazionali ed internazionali?

Intanto, il controllo totale sui propri giocatori”, ha spiegato infatti Ferguson, che prima di arrivare allo United promise a se stesso “non avrei mai permesso a nessuno di essere più forte di me all’interno dello spogliatoio". Poi la visione a lungo termine del club, perché il collettivo conta sempre di più del singolo. E nella sua carriera Sir Alex ne ha messi alla porta parecchi di talenti, da Ruud van Nistelrooy a Roy Keane, da Jaap Stam a David Beckham. Il ciclo di una squadra? Massimo ogni 4 anni va rifatta, e bisogna pensarci mentre le cose vanno alla grande.

E' importante anche usare il linguaggio giusto. Non c'è sempre bisogno di mostrarsi arrabbiati. "Well done", ben fatto, è sempre stato per Ferguson il complimento più semplice e bello da fare. Ma tra le cose più importanti, negli allenamenti (e lui è sempre stato il primo a recarsi all'Old Trafford, tutte le mattine alle sette) c'era la spiegazione precisa di cosa fare in campo se c'era bisogno di segnare un gol a 15, 10 o anche solo 5 minuti dalla fine del match. Senza contare l'importanza dei dettagli, come l'introduzione nelle diete dei campioni della vitamina D, per sopperire alla mancanza di luce della geografia settentrionale di Manchester. Insomma, un compendio di regole da leggere e memorizzare. Valide per ogni impresa che aspiri al successo.