Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
12 novembre 2013

Gol con dedica a Morsi: l'Egitto sospende l'attaccante

print-icon
al_

La federcalcio egiziana ha deciso di sospendere provvisoriamente il giocatore dell'Al Ahly Ahmed, Abdul Zaher, che dopo il gol ha fatto il segno delle quattro dita, il simbolo dei sostenitori del deposto presidente egiziano Mohammed Morsi

E' stato sospeso e messo sotto inchiesta l'attaccante dell'Al Ahly, il più famoso club egiziano, che domenica al Cairo aveva fatto il saluto dei Fratelli musulmani dopo aver segnato un gol nella finale della Champions africana vinta contro i sudafricani degli Orlando Pirates. Ahmed Abdel Zaher aveva esultato con le quattro dita aperte, il cosiddetto gesto del "Rabaa" che ricorda il raid delle forze di sicurezza egiziane contro un raduno a favore del deposto presidente Mohamed Morsi in cui c'erano state centinaia di morti tra gli islamisti.

La federcalcio egiziana ha disposto che Zaher non giochi fino a quando non sarà stata completata l'inchiesta e il club
cairota, i cui tifosi parteciparono in massa alle proteste di piazza Tahrir contro il regime di Mubarak, ha annunciato la
sospensione del giocatore per due mesi, il congelamento dello stipendio e una multa. "Ho fatto quel gesto ma non volevo
provocare nessuno, nè fare propaganda tra i tifosi", si era giustificato Zaher. A ottobre a un campione di kung fu era
stato proibito di rappresentare l'Egitto dopo che aveva espresso sostegno per Morsi. Da luglio, quando fu deposto Morsi, l'Egitto è stato teatro di violente proteste islamiste contro il governo di transizione appoggiato dai militari.