Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
16 dicembre 2013

Mondiali, Girone H: c'è il Belgio sulla strada di Capello

print-icon
haz

Hazard, Feghouli, Kerzhakov e Park Chu Young saranno tra i protagonisti del Girone H

LE SCHEDE. Tattiche, statistiche e uomin chiave girone per girone: la Russia del ct italiano inserita nel gruppo di un Belgio pieno di talenti da Premier. La Corea del Sud e l'Algeria di Taider e Belfodil hanno poche speranze di passare il turno

BELGIO
Un'autentica mina vagante, la formazione allenata da Marc Wilmots: raramente si era vista una concentrazione così alta di talenti, quasi tutti giovani, tecnici e titolari in grandi squadre. Da Courtois a Fellaini, da Hazard a Lukaku, i quarti di finale sono alla portata.
Tattica: Marc Wilmots ha l'imbarazzo della scelta. Il modulo è un 4-3-3 con tante variabili offensive: si trasforma in 4-2-3-1. In alcuni casi può schierare due centravanti di peso come Lukaku e Benteke.
Palmares e precedenti mondiali: nel 1986 la miglior rassegna mondiale, chiusa con il quarto posto. Sconfitti in finale negli Europei dell'80. L'ultima volta del Belgio ai Campionati del Mondo è stato nel 2002, fuori agli ottavi.
Come si è qualificato: Il Belgio ha vinto Gruppo A, staccando di anni luce Croazia e Serbia. Girone chiuso senza sconfitte: 8 vittorie, 2 pareggi, 18 gol fatti e solo 4 subiti.


ALGERIA
La squadra africana sicuramente con meno talento, qualificatasi per il rotto della cuffia. Ha elementi validi come Feghouli, Taider, Yebda, Mesbah e Belfodil. Ma difficilmente passerà il turno.
Tattica: il ct bosniaco Vahid Halilhodžic ama il 4-2-3-1, schema con cui la squadra si appoggia alla punta dello Sporting Lisbona Slimani. Feghouli l'uomo più fantasioso, Belfodil per ora solo una riserva.
Palmares e precedenti mondiali: terza partecipazione alla Coppa del Mondo. Gli algerini mancano dal 1986, dopo aver preso parte anche all'edizione del 1982: in entrambi i casi non superarono il girone. Una vittoria in Coppa d'Africa, nel 1990.
Come si è qualificata: primo posto nel girone con Mali, Benin e Rwanda, poi lo spareggio con il Burkina Faso. Sconfitta per 3-2 all'andata, l'Algeria ha vinto 1-0 in casa al ritorno con la rete di Bougherra in una partita fortemente contestata.


RUSSIA
Fabio Capello ha ricostruito una squadra distrutta da un pessimo europeo (nonostante un girone più che alla portata) e l'ha portata alla vittoria del girone F, davanti al Portogallo di Cristiano Ronaldo. Difesa d'acciaio, può essere un cattivo cliente per molti.
Tattica: con un Kerzhakov in stato di grazia, il modulo preferito è un 4-5-1 con Dzagoev pronto ad alzarsi per dare supporto all'unica punta. L'intera rosa è scelta tra giocatori che militano nel campionato russo: può sembrare banale, ma in Brasile potrebbe essere un problema.
Palmares e precedenti mondiali: due presenze prima di questa, mai oltre il primo turno. Semifinali agli europei del 2008 in Austria-Svizzera
Come si è qualificata: vittoria del gruppo F, con 7 vittorie, 1 pareggio e 2 sconfitte. 20 gol fatti, solamente 5 subiti.


COREA DEL SUD
Meno reattiva e pericolosa rispetto agli ultimi anni, la nazionale coreana ha perso il suo faro park Ji-Sung, che ha lasciato la nazionale. Le speranze sono affidate a Park Chu-Young che non ha mai sfondato nell'Arsenal.
Tattica: il ct Choi Kang-Hee schiera un 4-4-2 che si trasforma in un 4-2-3-1 a seconda della disponibilità offensiva. Negli ultimi match di qualificazione, senza Park Chu-Young, si è affidato all'estro di Ji Dong-Won, numero 10 della nazionale.
Palmares e precedenti mondiali: due Coppe delle Nazioni Asiatiche ('56 e '60). Il quarto posto nel mondiale di casa nel 2002 che brilla, anche se di una luce non pienissa, causa arbitraggi molto casalinghi. Nona apparizione mondiale, ottava consecutiva da Messico '86. Nel 2010 la Corea del Sud riuscì a raggiungere gli ottavi di finale.
Come si è qualificata: a fatica, arrivando seconda nel girone a pari punti con l'Uzbekistan ed evitando gli spareggi grazie alla differenza reti.
(A cura di Luciano Cremona e Matteo Veronese)