Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
03 aprile 2014

La Juve espugna la gabbia del Lione: 1-0 alla Gerland

print-icon
bon

L'esultanza di Bonucci che ha regalato una preziosa vittoria alla Juve

Nella gara d'andata dei quarti di finale di Europa League un gol di Bonucci decide il match a 5' dalla fine. Francesi pericolosi con Malbranque. Tevez esce per un infortunio muscolare. Tra una settimana il ritorno

LIONE-JUVENTUS 0-1
85' Bonucci

Guarda la cronaca del match



Che non sarebbe stata una passeggiata non proprio in molti lo avevano pensato. Aveva ragione Antonio Conte a mettere in guardia tifosi e giocatori sulle insidie della trasferta di Lione. Non certo quello che per anni ha dominato in Francia e spesso ha ottenuto buoni risultati in Champions, ma una squadra di tradizione e mentalità che in campo europeo difficilmente sbaglia. E, prima della zampata di Bonucci che ha risolto il match, alla Gerland la Juventus ha sofferto la pressione e la velocità della quadra di Remi Garde che è stata paradossalmente più pericolosa dei bianconeri nel primo tempo quando Buffon è dovuto intervenire su conclusione ravvicinata di Malbranque.

Le scelte ipotizzate alla vigilia non sono state confermate dalle decisioni di Conte che ha preferito ancora una volta Osvaldo a Vucinic in coppia con Tevez. E proprio l'argentino ha sfiorato la rete sempre nel primo tempo (bravo Lopes a intervenire su imbucata di Pirlo) ma poi a inizio ripresa ha dovuto abbandonare il terreno di gioco per un problema muscolare all'inguine. Perso il leader offensivo Conte ha provato a ridisegnare la squadra con gli inserimenti di Vucinic e Giovinco che hanno dato i loro frutti. Senza riferimenti il Lione è andato in difficoltà e Lopes ha dovuto fare gli straordinari per mantenere inviolata la propria porta.

Sponda Lione si era temuto, e molto, alla vigilia il talento di Lacazette che, invece, è stato limitato nella manovra e non ha mai avuto l'occasione buona per liberare la sua freschezza atletica e soprattutto le sue qualità nel tiro da fuori. D'altro canto il lavoro di Malbranque che per tutta la gara ha schermato Pirlo lasciandogli poco spazio per organizzare il gioco, ha inaridito le soluzioni bianconere. Nel finale la Juve ha provato a fare suo il match e dopo un tiro di Vucinic finito alto, sugli sviluppi di un calcio d'angolo è stato Bonucci a fissare il risultato sull'1-0 finale. Un punteggio che è manna dal cielo in vista della gara di ritorno. Allo Juventus Stadium, tra una settimana, la squadra di Conte avrà il futuro nelle proprie mani.