13 aprile 2014

Fiorentina e Inter, punti d'oro. Paloschi trascina il Chievo

print-icon
fio

La Fiorentina di Montella rifila 5 gol al Verona: a segno Cuadrado, Aquilani (doppietta), Borja Valero e Matri (Getty)

Viola e nerazzurri allungano il passo nella corsa all'Europa League. Icardi segna una doppietta alla Samp, Maxi Lopez sbaglia un rigore. Lazio sconfitta a Napoli, il Livorno perde in casa lo scontro salvezza con i veneti di Corini. Toro da rimonta

Guarda la cronaca dei match


La domenica iniziata con il derby d'Emilia (terminato 1-1) prosegue con uno scontro salvezza delicatissimo, quello tra Livorno-Chievo, che potrebbe rivelarsi fatale per i toscani. Spettacolo e tantissimi gol anche nelle altre quattro gare. E' quasi un film la partita di Marassi, Samp-Inter, che si accende ancor prima del fischio d'inizio con la mancata stretta di mano tra Icardi e Maxi Lopez, poi protagonisti sul campo. Al San Paolo il Napoli spegne le speranze della Lazio, mentre al Bentegodi la Fiorentina ferma la corsa all'Europa del Verona. Un Toro da rimonta batte il Genoa: Gila illude il Grifone, ma poi arrivano i gol di Immobile e Cerci, entrambi nei minuti di recupero.

LE PAGELLE

Napoli-Lazio 4-2 - Primo tempo segnato dalla rete di Lulic al 21' e dallo splendido gol di Mertens al 42'. Lazio in dieci al 3' della ripresa: Cana procura un rigore (fallo su Mertens) e viene espulso per doppia ammonizione. Higuain trasforma dal dischetto e al 68' realizza la sua doppietta personale. Nel finale Onazi prova a riaprire il match ma l'ultima parola è ancora di Higuain, che si porta a casa il pallone. La squadra di Reja rimane a quota 48, a -3 dal Parma.

Sampdoria-Inter 0-4 - Si gioca da 13' quando Icardi va in gol su assist di Palacio, provocando la sua ex curva che lo ripudia per la vicenda sentimentale che ha coinvolto lui e Maxi Lopez. Cinque minuti più tardi il biondo centravanti blucerchiato ha l'occasione di prendersi la sua rivincita su calcio di rigore: tradito dall'emozione e dalla pressione si fa stregare da Handanovic. Nell'azione successiva Valeri ammonisce per simulazione Eder, che inizia a discutere con Samuel: i due si spintonano e per il brasiliano arriva il secondo giallo. Samp in dieci dal 20'. Al 15' del secondo tempo Samuel batte Da Costa svettando su calcio d'angolo e due minuti più tardi ancora Mauro Icardi chiude la partita. Il poker arriva con Palacio all'80'.

Livorno-Chievo 2-4 - Vantaggio di Siligardi al 6' e immediato pareggio di Paloschi, al 9'. I veneti vanno avanti al 23' con Thereau ma al 34' Paulinho fa il 2-2 su rigore. E' ancora Paloschi, a un minuto dall'intervallo, a trovare il 3-2 con un gran colpo di tacco. L'attaccante ex Milan realizza poi la sua tripletta trasformando un rigore in avvio di ripresa. Un poker che, a cinque giornate dal termine, potrebbe condannare i toscani alla retrocessione.

Verona-Fiorentina 3-5 - Otto gol al Bentegodi. Sala illude i padroni di casa trovando il vantaggio al 14', di testa in tuffo su una respinta di Neto. La rimonta viola è confezionata da Cuadrado, che alla mezz'ora fulmina Rafael con un diagonale sotto la traversa; poi Aquilani e Borja Valero. Un rigore per parte, Toni e Matri, dà modo di segnare anche agli attaccanti. Ma non finisce qui: Aquilani firma la cinquina e Iturbe nel recupero sfoga la sua rabbia con l'ultima rete. La corsa all'Europa League si fa ora in salita per Mandorlini.

Torino-Genoa 2-1 - Entra e segna, Alberto Gilardino, a quota 14 reti in campionato e 173 in Serie A. Ma quello che sembrava il gol partita diventa pura illusione in una gara decisa da Immobile e Cerci nel giro di un minuto, quando il match era già nel recupero. Granata che salgono a 48 punti, Genoa fermo a 39.