20 ottobre 2014

Monza-Como, il derby "eterno" con vista playoff

print-icon
mon

Il Monza ha battuto 2-1 il Como in casa in campionato dopo 18 anni (Stamp Sito Ac Monza Brianza)

Venerdì al Brianteo i brianzoli hanno battuto 2-1 i lariani, mantenendosi a quattro punti dalla vetta del girone A: un successo importante in una delle partite più sentite di tutta la Divisione Unica. Anche per colpa di un rigore di 34 anni fa

Per un tifoso del Monza è la partita più attesa dell'anno. Per uno del Como fa quasi a gara con quella (che in questa stagione non si giocherà) contro il Lecco. Monza-Como, andata in scena al Brianteo venerdì sera, con la vittoria dei brianzoli, 2-1 è il derby più caldo del girone A della Lega Pro. Una rivalità calcistics lunga quasi 40 anni, che ha vissuto un nuovo capitolo nel week end scorso.

1967 e 1980, dove tutto cominciò –
Se brianzoli e laghèè non sia amano lo si deve soprattutto a due episodi. Nel 1967, un Monza guidato da un giovanissimo Gigi Radice strappò la promozione in B al Como vincendo 1-0 lo spareggio di Bergamo. Ma è 13 anni dopo, il 13 aprile 1980 che la rivalità si infiammò. Con un 3-3 in B che in pratica eliminò il Monza dalla lotta promozione per la Serie A. Un risultato contestato dai brianzoli per il rigore allo scadere, assegnato dal futuro designatore Luigi Agnolin e trasformato da Nicoletti.

2014, un big match da figli d'arte- Sono passati anni, cambiate proprietà e nomi, Monza-Como è rimasta una partita di alta classifica. Con i lariani in testa e il Monza a -4 da chi comanda (in coabitazione) il girone A e reduce da due vittorie consecutve contro l'Erminio Giana e l'Unione Venezia.

Novanta minuti con un faccia a faccia tra cognomi “ingombranti”. Tra l'attaccante del Monza Gianmarco Zigoni, figlio del talentuosissimo Gianfranco (alla Juventus e al Verona soprattutto) e Simone Andrea Ganz, punta del Como ed erede di quel Maurizio che con la maglia degli avversari si rivelò tra i professionisti nel 1988-1989. E Ganz non è l'unico ex dei lariano. Nello staff di mister Colella, come preparatore atletico c'è Simon Barjie che in maglia Monza ha giocato 5 anni sfiorando la promozione in B nel 2005-2006.

La partita: Vita e Foglio premiano il Monza – Tanta attesa e tensione (anche per la questione stipendi per i brianzoli) e un match emozionante Soprattutto nel primo tempo. Con il Monza che si porta dopo 32' sul 2-0. Prima con un'invenzione del gioiellino Alessio Vita (classe 1993, ex vivaio del Torino) e poi con un'azione corale rifinita dal trio Zigoni-Virdis-Foglio. E proprio Virdis butta via il 3-0 allo scadere, dopo aver scartato il portiere del Como Crispino.

Nella ripresa il Como reagisce e si sveglia. L'estremo difensore del Monza Viotti respinge due volte su Defendi e i lariani sono pericolosi con Fietta e Le Noci. Intanto però gli ospiti finiscono in dieci (fuori De Marchi per fallo su Beduschi) ma riescono ad accorciare sul 2-1 ancora con Le Noci nell'ultima azione del match. Poi dopo il fischio finale festa al Brianteo per un successo in casa che contro il Como mancava dalla stagione 1995-1996. Una serata emozionante che si è conclusa con qualche disordine che ha portato all'arresto di due tifosi.

Il meglio della Serie A

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Tutti i siti Sky