Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
05 novembre 2014

Terza Scarpa d'Oro per CR7: "Non mi basta mai"

print-icon
[an error occurred while processing this directive]

Cristiano Ronaldo premiato a Madrid con il riconoscimento che premia il miglior marcatore della stagione. "Non mi basta essere il migliore del Portogallo, voglio essere il migliore di sempre e lavoro per diventarlo"

Terza "Scarpa d'Oro" per Cristiano Ronaldo, premiato a Madrid con il riconoscimento che premia il miglior marcatore della stagione. Al fianco del portoghese del Real, i compagni di squadra Iker Casillas, Sergio Ramos, Gareth Bale e il presidente del Real Madrid, Florentino Perez.

CR7 ha la bacheca piena di trofei, individuali e collettivi, ma non smette di puntare a nuove vittorie. "Voglio ringraziare tutti, in primis i miei compagni di squadra perché senza di loro non avrei mai potuto vincere questo premio", ha premesso il fuoriclasse del Real Madrid. "Ringrazio anche la mia famiglia - ha aggiunto CR7 - i tifosi, il club per avermi dato la possibilità di giocare nella migliore squadra del mondo e di vincere questi trofei individuali. In una squadra conta il collettivo, ma sono importanti anche le individualità e io lavoro per dare il meglio di me stesso. Vincere per la terza volta la Scarpa d'Oro mi emoziona come la prima, sono felice. Per me è un giorno speciale che voglio condividere con chi mi ha aiutato e mi ha permesso di essere qui. Ogni giorno che passa sento sempre più forte l'amore della gente. Prometto ai tifosi che darò sempre il meglio in campo. Ho ancora molti anni da vivere qui a Madrid e ci metterò sempre la mia passione, i miei gol, i miei assist".

Cristiano Ronaldo è il tipo che non si accontenta mai. "Io chiedo e voglio sempre di più, negli ultimi 5 anni i miei numeri sono stati buoni, negli ultimi due ancora di più. Non mi basta essere il migliore del Portogallo, voglio essere il migliore di sempre e lavoro per diventarlo anche se poi ognuno ha il suo modo di vedere le cose. Quando chiuderò la carriera guarderò le statistiche e vedrò se sono tra i migliori di sempre, ma sono sicuro che ci saro'".

Il suo futuro lo vede ancora a Madrid. "Del rinnovo bisogna parlarne con Florentino Perez. Io qui sono felice, il mio contratto scade quando avrò 33 anni, vedremo dopo se il presidente mi vorrà ancora", dice Cristiano Ronaldo che ha un eccellente feeling con Carlo Ancelotti. "Io credo che vinceremo ancora tanto, con Ancelotti stiamo tutti molto bene e le cose funzionano molto bene. Anche a livello personale sono felice, dobbiamo andare avanti così fino al termine della stagione. Possiamo arrivare molto lontano, lavoriamo per migliorare ogni giorno di più e per vincere tutto: Liga, Champions League e Coppa del Re". Orgoglioso, come Cristiano Ronaldo, il presidente del Real, Florentino Perez. "Sta dimostrando al mondo che appartiene alla categoria delle leggende, è un giocatore che unisce un talento indiscutibile all'enorme impegno con cui lavora - ha dichiarato il numero 1 dei blancos -. Per Cristiano non ci sono limiti né record imbattibili, proprio come il Real Madrid".