Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
27 novembre 2014

Ore d'ansia per Pelé: si aggravano le sue condizioni

print-icon
pel

Si aggravano le condizioni di salute di Pelé (Foto Getty)

O Rei è ricoverato da lunedì scorso in un ospedale di San Paolo per un'infezione alle vie urinarie. "E' stato trasferito in un'unità specializzata", si legge nel nuovo bollettino medico

Si aggravano le condizioni di salute di Pelé, ricoverato da lunedì scorso in un ospedale di San Paolo per una infezione alle vie urinarie. "Le condizioni del paziente Edson Arantes do Nascimento sono instabili e per essere meglio monitorato è stato trasferito in una unità specializzata", si legge nel nuovo bollettino medico dell'ospedale Albert Einstein. Alcune fonti parlano di terapia intensiva.

"I medici hanno deciso di trasferirlo in un reparto in  cui può stare pi∙ tranquillo, in questo modo il recupero può essere accelerato", ha spiegato José Pepe Fornos, portavoce dell'ex calciatore, all'agenzia Dpa. "Sta bene, gli vengono somministrati gli antibiotici. Prima riceveva troppe visite ed era sempre in attività. Parlava in continuazione al telefono. Per questo i dottori hanno ritenuto opportuno spostarlo", ha aggiunto Fornos. Per ora, non è ancora possibile ipotizzare quando Pelè potrà lasciare l'ospedale. "Bisognerà aspettare almeno lunedì, quando si arriverà a una settimana di somministrazione di antibiotici".

Il portavoce di Pelè ha anche sostenuto che l'ex calciatore sta "completamente bene" e che
la decisione di trasferirlo è stata presa, insomma, solo per tutelare la sua privacy. "Non era a suo agio con tutte quelle persone che venivano. Sarà più tranquillo adesso", ha affermato. Il 13 novembre, Pelè era stato operato di calcoli renali e dimesso due giorni dopo. Nello stesso ospedale di San Paolo, due anni fa l'ex campione oggi 74enne aveva subìto un intervento all'anca.