Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
30 novembre 2014

Scontri tra ultras a Madrid, muore tifoso del Depor ferito

print-icon
[an error occurred while processing this directive]

Scontri vicino allo stadio Calderon tra sostenitori di Atletico e Deportivo. Un supporter ospite, 43 anni, è stato recuperato dal fiume Manzanares ed è deceduto in ospedale per arresto cardiaco dopo i soccorsi. Il match si è giocato regolarmente

Tragico epilogo degli scontri tra tifosi dell'Atletico Madrid e del Deportivo, avvenuti nei pressi dello stadio Vicente Calderon a Madrid. Secondo fonti dell'Ospedale "Clinico" un sostenitore 43enne della squadra ospite, Francisco R. Taboada, è deceduto per arresto cardiaco intorno alle 14:00. Gli scontri sono avvenuti alle 9:00 nei pressi della zona "Rio Madrid", vicino allo stadio Vicente Calderon. Il tifoso del Deportivo è stato recuperato in "condizioni critiche" dalle acque del fiume Manzanares dai pompieri. Francisco, soprannominato "Jimmy", faceva parte di un gruppo ultras estremo conosciuto come "Los Suaves". Era sposato e aveva un figlio.
Un tifoso "in condizioni critiche" - Una volta recuperato, al tifoso, vittima di un arresto cardiorespiratorio, sono stati riscontrati anche un trauma cranioencefalico e un evidente stato di ipotermia. Dopo alcuni minuti di rianimazione il 43enne tifoso del Deportivo sarebbe uscito dall'arresto cardiorespiratorio e trasportato all'ospedale "Clinico" in stato critico. Le sue condizioni sono però ulteriormente peggiorate fino al decesso intorno alle ore 14:00, quando il cuore non ha più risposto all'ultimo massaggio cardiaco.
Il bilancio - Gli scontri sarebbero cominciati intorno alle 9 tra le strade (Calle) de San Rufo, Virgen del Puerto y Paseo de la Ermita del Santo. I tifosi delle due frange più calde del tifo dell'Atletico (Frente Atletico) e Deportivo (Riazor Blues) si sarebbero dati appuntamento via Whatsapp. 11 persone, oltre al tifoso deceduto poi in ospedale, sono rimaste ferite. Di queste tre per lesione da armi bianche, altre tre per ferite al cranio, uno ha riportato un trauma facciale, altri tre ferite più lievi. Leggermente contuso anche un poliziotto che ha riportato la frattura della falange del dito di una mano. Al momento ci sono stati due arresti e 30 identificati.
La condanna dell'Atletico Madrid - La società colchonera ha subito condannato l'accaduto con un comunicato ufficiale: "L'Atletico condanna energicamente gli incidenti avvenuti nella zona Madrid Rio nelle ore precedenti alla partita tra la nostra squadra e quella del Deportivo la Coruna. I valori che fomentano lo sport dovrebbero prevalere sempre su qualsiasi rivalità e tutti dobbiamo lottare contro la violenza". La partita si è giocata regolarmente ed è finita 2-0 per l'Atletico.