02 dicembre 2014

Galliani scrive a Tavecchio: "E' ora di usare la tecnologia"

print-icon
goa

La Goal Line Technology è già adottata da oltre un anno in Premier League (Getty)

Dopo il nuovo caso di "gol-non gol" in Milan-Udinese, l'ad rossonero ha inviato una lettera al presidente della Figc attraverso cui chiede l'introduzione di un sistema che permetta una valutazione certa di episodi come i gol fantasma

"Caro Carlo, dopo l'ennesimo episodio di 'goal non goal' verificatosi domenica durante la gara Milan-Udinese, non dubito sia giunto il momento, quanto meno per la Serie A, di dotarsi di un sistema tenologico di lettura certa e sicura di episodi  come questo". Comincia così la lettera che Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan, ha inviato al presidente della Figc, Carlo Tavecchio.

"Come certamente sai, l'IFAB consente dal 2012 di ricorrere alla Goal-line Technology (GLT) e la FIFA si è subito allineata con la circolare 1315 del 3 agosto 2012 e con il successivo Quality Programme for GLT, che raccoglie e disciplina i limiti e parametri cui ogni Federazione deve attenersi. Come è noto, in questa direzione è presto andata la Premier League, che nell'aprile 2013 ha adottato la cosiddetta GLT "Hawk-Eye" (occhio di falco), già sperimentata con successo dalla FIFA durante i Mondiali 2014", scrive Galliani nella missiva pubblicata dal sito del Milan.

"Credevo prima, e continuo oggi sempre più fermamente a credere che un intervento nello stesso senso anche da parte della Figc non sia più differibile: è indispensabile per aiutare i direttori di gara nella valutazione di episodi determinanti e per evitare che un errore umano agevolmente evitabile vanifichi il grande lavoro che sta dietro l'organizzazione di una competizione importante come il Campionato di Serie A", aggiunge l'ad rossonero. "In attesa di tuo riscontro, che confido positivo, ti ringrazio dell'attenzione e ti saluto molto cordialmente".