Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
04 dicembre 2014

Dramma in Argentina, giocatore ucciso da ultras avversari

print-icon
fra

Franco Nieto aveva 33 anni, giocava nel Tiro Federal nella provincia de La Rioja (foto dal sito del Clarin)

Franco Nieto è morto dopo 4 giorni di agonia in ospedale a Rioja. Era stato aggredito fuori dallo stadio dai tifosi rivali al termine della sfida tra il suo Tiro Federal e il Chacarita. Potrebbero essere implicati anche calciatori avversari

Un calciatore argentino, Franco Nieto,33 anni, è morto in ospedale quattro giorni dopo essere stato aggredito da tifosi avversari al termine di una partita tra il Chacarita e la sua squadra, il Tiro Federal, valida per un campionato regionale. Secondo quanto riporta il sito del quotidiano Clarin, il giocatore, colpito da un mattone alla testa,era stato ricoverato in ospedale nella cittadina di La Rioja e sottoposto ad interventi.

Nieto era stato attaccato sabato dagli  ultras del Chacarita al termine del match sospeso dall'arbitro prima  del 90' a causa di incidenti tra i giocatori di entrambe le squadre e che aveva visto l'espulsione di ben 6 calciatori tra cui lui.

La rissa era stata sedata in campo, ma il tutto era poi successo all’uscita dallo stadio dove un gruppo di tifosi del Chacarita avrebbe teso un agguato in piena regola al calciatore del Tiro Federal.  Alcuni testimoni hanno raccontato alla polizia che sarebbero partiti prima gli insulti  poi calci, pugni, bastonate e anche due mattonate in testa, risultate fatali per Nieto, nonostante l’immediato ricovero in ospedale e gli interventi chirurgici.

La  polizia ha comunicato di aver arrestato due tra i presunti responsabili del pestaggio. Il delegato della Policia Federal, Fabio Bordon ha rivelato: "Tra i colpevoli potrebbero esserci anche un giocatore e un membro dello staff tecnico del Chacarita".

L'Organizzazione non governativa Save the Football ha indicato che Nieto è la vittima numero 298 nella storia del calcio argentino.