Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
10 dicembre 2014

Verso lo Slovan, Benitez: "Voglio recuperare Hamsik"

print-icon
[an error occurred while processing this directive]

In vista dell'ultima gara di Europa League, l'allenatore del Napoli rilancia le quotazioni di marechiaro : "Gli manca un po' di fiducia, per questo andranno in campo lui e altri 10". Vincendo gli azzurri passeranno il turno da primi del girone

Marek Hamsik sta attraversando il suo momento più difficile da quando gioca con la maglia del Napoli. Alla vigilia dell’ultimo match del girone di Europa League contro lo Slovan Bratislava, Rafa Benitez gli rinnova la fiducia: lo manderà in campo dall’inizio. "Hamsik lo vediamo in ogni allenamento, si impegna e lo fa anche nelle partite”, ha detto Benitez in conferenza stampa . “Non sta ancora giocando al livello che conosciamo. Oggi gli manca un po' di questa fiducia e per questo io, che sono l'allenatore e devo decidere, voglio recuperarlo. Ho detto tante volte che Hamsik è un giocatore importantissimo ma per recuperarlo posso parlare con lui, mandarlo in panchina e vedere come reagisce o parlare con lui e farlo giocare perché così può dimostrare in campo il suo livello. Per questo domani giocheranno Hamsik e altri dieci".

Higuain - "La prima cosa che ho fatto oggi è augurare a Gonzalo un buon compleanno – ha aggiunto l’allenatore nel giorno in cui il bomber argentino spegne 27 candeline -. Per quanto riguarda le sue parole, lui ha detto quello che deve dire: lavoro di squadra al 100 percento, lavorare tutti insieme per raggiungere obiettivi. Ma chiaramente l'allenatore e i giocatori più importanti devono essere davanti, così gli altri ti possono seguire".

Duri impegni in campionato -
Benitez ha rimandato al dopo Slovan i discorsi sui prossimi difficili impegni degli azzurri: dalla trasferta contro il Milan in campionato alla sfida per la Supercoppa contro la Juventus: "Ho detto tante volte che per me la partita più importante è la prossima. Ora può essere importante arrivare primi nel girone, poi guardiamo alle altre.  Vincere ogni partita ho sempre detto che è il mio obiettivo, ma per me ora con lo Slovan è la più importante".

Gli ultimi passi falsi –
Sugli ultimi tre pareggi: "Non è facile spiegare alcuni black-out, ma la chiave sarà sempre lavorare di più anche con i singoli per evitare queste cose. Lo facciamo ogni giorno con i singoli, il reparto difensivo e con tutta la squadra.  Eppure qualche volta ancora succede". In conferenza stampa c’è stato spazio anche su una riflessione su un possibile incrocio con il Liverpool, l'ex squadra  del tecnico spagnolo, in Europa League: "Ieri ho visto Juve-Atletico e Liverpool-Basilea. Alla fine da qui non posso fare nulla, ma sono  tranquillo. Possiamo anche giocare contro il Liverpool se lo stabilisce il sorteggio, ma per me è meglio non dire nulla".