27 gennaio 2015

Bomber del futuro cercasi: Berardi, Belotti o Bernardeschi?

print-icon
gio

Sei nomi e qualche consiglio dal campionato per l'attacco futuro della Nazionale (Foto Getty)

In Serie A brillano i giovani reparti azzurri tra portieri , difensori e centrocampisti . Non è da meno l'attacco : in prima fila spicca il trio dell'U-21 insieme a Verdi e Longo. Le scommesse dell'Italia di domani? I baby Bonazzoli e Mastour

Lo chiamano Be-Be-Be, talvolta troncato in B-3. Significativo il richiamo a 'bebè', d’altronde sommando le loro età si varcano a fatica i 60 anni. Li abbiamo conosciuti nell’Under-21 di Gigi Di Biagio, trampolino verso la Serie A che ha amplificato i loro nomi: Domenico Berardi, Andrea Belotti e Federico Bernardeschi rappresentano la risorsa più fresca dell’attacco della Nazionale. Un reparto che, dall’avvento del ct Conte, non può puntare il dito sull’assenza di gioventù: Zaza e Immobile (23 e 24 anni) godono di numeri e conforto anagrafico, protagonisti di un ricambio generazionale davvero in atto. Una tendenza che trova sostegno soprattutto in Serie B: pensate al Lanciano e al trio Gatto, Monachello e Cerri, oppure alle stelline Parigini e Politano. Briciole, pressione e panchina diventano invece oneri e bocconi amari per un giovane attaccante che si approccia alla Serie A. O almeno non per tutti.

Il tandem Mimmo-Gallo - A Bocchigliero, piccolo comune in provincia di Cosenza, lo sapevano tutti: questo ragazzo arriverà in alto, molto più dell’elevato sperone sul quale sorge il paese. Il ragazzo è Domenico Berardi, classe ’94 e dai 16 anni al Sassuolo, la prima vetrina nel calcio che conta. Al primo anno tra i professionisti segna 11 gol nell’anno della promozione ma si supera da debuttante in A: le reti diventano 16 compreso un clamoroso poker al Milan che segnò la fine dell’era Allegri. Proprio l’allenatore che potrebbe incontrare alla Juventus, proprietaria del suo cartellino. Carattere riservato ma rovente sul campo (a volte troppo), l’esatto opposto del suo partner in Under-21: Andrea Belotti non s’accosta nemmeno per profilo tecnico, ma la fame di emergere è la stessa. Bergamasco non transitato a Zingonia, 21enne sponsorizzato da Mondonico all’AlbinoLeffe. Lividi e reti in Lega Pro, poi il passaggio in B al Palermo: l’ascesa in Serie A è il filo che lo lega all’amico Mimmo, la concorrenza nei club ciò che li divide. Dybala e Vazquez sono intoccabili, ma la cresta del Gallo ha già esaltato il Barbera.

Bernardeschi-Verdi, che sinfonia - Abbiamo citato un duo, tuttavia incompleto senza l’estensione del terzo tenore: ventenne di Carrara, ribattezzato Brunelleschi per genio ed eleganza, Federico Bernardeschi si è già preso la briga di sedurre un esperto come Corvino, respingere le avance di un totem come Sir Alex Ferguson e diventare grande nella sua Toscana. Galeotta fu la parentesi a Crotone, lungimirante la gestione di Montella a Firenze che ne ha dosato l’enorme potenziale prima dell’infortunio. Mezzi che non mancano nemmeno a Simone Verdi, scuola Milan, che ha attraversato il confine tra promessa e giocatore di livello: Empoli è un’isola felice per talenti orchestrati dall’ottimo Sarri, che gli ha ritagliato un ruolo da trequartista coerente per repertorio ed esplosività atletica. Classe ’92 come Samuele Longo, frizzante come il prosecco della sua Valdobbiadene: giovanili all’Inter e pupillo di Stramaccioni, prestiti e fortune alterne tra Spagna e Verona nelle ultime due stagioni. Zeman e Zola non gli hanno negato minutaggio a Cagliari, il limite non sono nemmeno le qualità piuttosto un carattere che va smussato negli spigoli.

#NAZIONALE#U21#EUROPEO ⚽️

Una foto pubblicata da Federico Bernardeschi (@federicobernardeschi29) in data: Ott 14, 2014 at 12:45 PDT


Astri nascenti alla finestra - Non termina qui la carrellata di talenti presenti in Serie A. Certo, lo spazio è irrisorio, ma la presenza in prima squadra giustifica ampiamente contorni e valore oggettivo. Valerio Rosseti (’94), in forza all’Atalanta concesso dalla Juventus, non si era nascosto a Siena e attende le sue chance come Emanuele Rovini (Empoli) ed Ettore Gliozzi (Sassuolo), entrambi classe ’95 di belle speranze. Due diciottenni come Loi (Cagliari) e Bentivegna (Palermo) faranno esperienza altrove, scelta già adottata dai più vaccinati Fedato e Garritano. Un’altra coppia, invece, merita una menzione a parte: Federico Bonazzoli e Hachim Mastour, 17 e 16 anni, un avvenire già scritto tra Inter e Milan. Il primo è cresciuto nel mito di Ibrahimovic, il secondo sogna la carriera di Neymar e ha scelto l’azzurro nell’U-16 nonostante le origini marocchine. Suggestioni a parte, la futura coppia della Nazionale pare già tracciata.

Il meglio della Serie A

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Tutti i siti Sky