user
17 ottobre 2018

Wenger: "Nel 2019 torno ad allenare. Giappone? Una possibilità"

print-icon

L'ex allenatore dell'Arsenal alla Bild: "Mi sento riposato e pronto a ripartire. Credo che il 1 gennaio 2019 sarò di nuovo alla guida di una squadra. Ho ricevuto offerte da tutto il mondo. Giappone? Una possibilità"

MINACCE A WENGER: ANDAVA IN PANCHINA COI BODYGUARD

MONACO, HENRY: "MI ISPIRO A GUARDIOLA E WENGER"

Una data già cerchiata in rosso sul suo calendario personale: 1 gennaio 2019. L’inizio di un nuovo anno, ma non solo: per Arsene Wenger questa potrebbe essere anche la data della nuova avventura in panchina. Dopo aver lasciato l’Arsenal al termine della scorsa stagione dopo ben 22 anni alla guida dei Gunners, l’allenatore francese – che compirà 69 anni il prossimo 22 ottobre – infatti non ha nessuna intenzione di smettere: "Mi sento riposato e sono pronto a ripartire. Credo che il 1 gennaio 2019 sarò di nuovo alla guida di una squadra. Ho ricevuto offerte da tutto il mondo: club e nazionali. Il Giappone? E' un possibilità. Ho allenato il Nagoya Grampus, ho imparato qualche parola della lingua e conosco la realtà", le parole di Wenger rilasciate nel corso di un'intervista alla Bild. Per l'allenatore francese dunque ancora pochi mesi senza squadra, poi – come da lui stesso affermato – il ritorno in panchina.

Wenger consiglia la Germania: "Ha bisogno di Ozil"

Dal suo futuro che sarà nuovamente in panchina, a un consiglio alla Nazionale tedesca che sta attraversando un momento di difficoltà ormai da diversi mesi. "Credo che la Germania abbia bisogno di Mesut Ozil (suo giocatore ai tempo dell’Arsenal, ndr), spero che Loew lo convinca a tornare. E' un fuoriclasse, non è stato il peggiore al Mondiale e mi è dispiaciuto che abbia lasciato la nazionale, ci ha perso un po' anche lui", ha concluso Arsene Wenger.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi