Peter Crouch: "Colleziono maglie della Sampdoria, ero a Wembley per la finale del '92"

Calcio

L'ex attaccante inglese svela una passione segreta, mostrando la sua collezione di maglie blucerchiate. La Samp, tramite social, gli promette quella della stagione in corso. "A 11 anni ho assistito alla finale di Coppa dei Campioni contro il Barcellona, il mio idolo era Vialli"

PREMIER LEAGUE, TUTTI I GOL E GLI HIGHLIGHTS

COME VEDERE DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

Peter Crouch e la Sampdoria: in apparenza nessun punto di contatto, se non fosse che l’ex attaccante inglese ha svelato la propria passione segreta per la maglia blucerchiata. Tanto da averne collezionate diverse nelle ultime stagioni e da aver vissuto, sugli spalti da spettatore, la finale di Wembley di Coppa dei Campioni del 1992, all’età di 11 anni, poi persa dalla Samp contro il Barcellona.

Una passione con origini lontane, un amore giovanile mai dimenticato e coltivato negli anni con quella collezione di maglie – sia da casa che da trasferta – mostrata nel corso dell’intervista a BT Sport. Il mio idolo era Vialli, ma c’erano anche Mancini, Lombardo o Vierchowod”, ricorda l’ex attaccante di Liverpool e Tottenham (tra i vari club inglesi per cui ha giocato, nel corso di una lunga carriera chiuda con 8 stagioni allo Stoke City e sei mesi al Burnley prima del ritiro). E come dargli torto, specie per quel che riguarda l’amore per quella maglia così particolare, che più sondaggi negli anni (ultimo quello degli inglesi di Four Four Two) hanno eletto come la più bella del mondo.

La risposta della Samp

E la “notizia” non poteva lasciare certo indifferente la Sampdoria, che non sapeva certo di avere un tifoso del genere: il club blucerchiato, intanto, ha ripagato l’amore di Crouch regalandogli l’ultimo pezzo per la sua collezione, la maglia di questa stagione.

I più letti di calcio