Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
12 aprile 2019

Juventus, scudetto numero otto. I dati dei Campioni d’Italia

print-icon
Juv

I numeri e tutti i dati sulla Juventus Campione d'Italia 2018/2019. I momenti decisivi del campionato, le mosse del calciomercato e tutto quello che c'è da sapere sui protagonisti dell'ottavo scudetto consecutivo.

JUVE SCUDETTO, LO SPECIALE

Per l’ottavo anno consecutivo la Juventus è Campione d’Italia. Uno Scudetto conquistato con 5 giornate d’anticipo grazie al 2-1 contro la Fiorentina che proietta i bianconeri a +20 sul Napoli. L’ottava meraviglia bianconera, la quinta sotto la guida di Massimiliano Allegri, arriva al termine di una cavalcata mai messa in discussione dalle dirette inseguitrici. Frutto di un girone d’andata praticamente perfetto, chiuso con 53 punti (17 vittorie e 2 pareggi) e il titolo di campione d’inverno ipotecato con due giornate d’anticipo. E un girone di ritorno gestito con grande intelligenza e pragmatismo, soprattutto nei momenti di leggero appannamento. Merito di una rosa che in estate è stata rinnovata e rinforzata con gli innesti di Cristiano Ronaldo, Emre Can, Cancelo e Perin e col ritorno del figliol prodigo Leonardo Bonucci. Ma merito soprattutto di una squadra camaleontica capace di adattarsi alle varie fasi della partita e della stagione senza mai perdere la propria identità di gioco. Il mantra di Allegri “Innanzitutto bisogna fare i complimenti ai ragazzi” è la chiave del successo di questa Juventus. La forza del gruppo, trascinato dai senatori Chiellini, Pjanic e Mandzukic, ha reso i bianconeri ancora più vincenti e imbattibili.

Juventus, le novità della stagione: saluta Marotta, arriva nuovo AD

La vera grande novità della stagione 2018/2019 della Juventus è il riordino societario. L’inattesa separazione delle strade dei bianconeri e dell’amministratore delegato Giuseppe Marotta, artefice dei 7 scudetti consecutive e di mosse di mercato importanti arriva a fine settembre. Il presidente della Juve Andrea Agnelli aveva però preso tale decisione già al termine della sessione estiva di calciomercato. L’addio di Marotta apre quindi ad una nuova organizzazione societaria. Fabio Paratici passa da DS a responsabile dell’intera area sportiva, con Giorgio Ricci ad occuparsi della sezione Revenue e Marzo Re della parte Services. Tale trio di figure fa capo direttamente al presidente Andrea Agnelli con Pavel Nedved vice presidente. 

Calciomercato Juventus: Cristiano Ronaldo fa sognare i bianconeri

La stagione 2018-19 della Juventus si apre con un mercato da sogno. Dopo gli addii di Buffon, Lichtsteiner, Asamoah e Howedes, i primi due colpi bianconeri sono Emre Can, ingaggiato a parametro zero dal Liverpool, e Mattia Perin, acquistato dal Genoa come vice Szczesny. Ma è solo l’antipasto. A fine giugno prende corpo l’affare del secolo: Cristiano Ronaldo rompe definitivamente con Florentino Perez aprendo le porte ad un trasferimento in bianconero. Sembra solo fantacalcio, ma i contatti fra il direttore sportivo Fabio Paratici e il superprocuratore Jorge Mendes si fanno sempre più insistenti. Il 28 giugno arriva la prima conferma indiretta dalla Spagna: il Real Madrid decide di abbassare la clausola rescissoria di CR7 da 1 miliardo a 120 milioni di euro. È il segnale che il fuoriclasse portoghese non è più incedibile. Il 10 luglio arriva la notizia bomba: Andrea Agnelli vola a Kalamata in Grecia per incontrare Cristiano Ronaldo. Dopo poche ore la foto del loro brindisi fa il giro del mondo, CR7 è ufficialmente un nuovo giocatore della Juventus. È il colpo che sconvolge il calciomercato italiano, fa schizzare alle stelle il titolo della società bianconera in borsa e manda in estati i tifosi. Un’operazione da 350 milioni di euro tra costo del cartellino (105 milioni) e contratto quadriennale al giocatore (31 milioni netti a stagione). Ma la Juventus non sembra intenzionata a fermarsi. Dopo i rientri di Spinazzola e Kean, di ritorno dai rispettivi prestiti all’Atalanta e al Verona, arriva anche Joao Cancelo, terzino destro portoghese del Valencia non riscattato dall’Inter. Non mancano i colpi anche in vista della prossima stagione, dal momento che a inizio 2019 arriva anche l’ufficializzazione di un nuovo innesto a centrocampo. Aaron Ramsey, gallese di proprietà dell’Arsenal, vestirà la maglia della Juventus a partire dalla stagione 2019/2020: è lui il primo innesto del nuovo corso, che è riuscito ad accaparrarsi uno dei pezzi pregiati del mercato.

Mercato Juve: cessioni eccellenti e l’addio di Marchisio

A fine luglio la rosa della Juventus è praticamente completa in ogni reparto. Il ds Paratici ha però un altro colpo in canna. L’ennesima clamorosa voce di mercato si materializza il primo agosto con uno scambio sull’asse Torino-Milano. Dopo una sola stagione al Milan, Bonucci torna a vestire la maglia bianconera mentre Caldara e Higuain vengono ceduti ai rossoneri. Chiuso il capitolo degli arrivi con ben 7 innesti, è il momento delle cessioni. A partire sono i giovani destinati ad avere poco spazio in rosa: Favilli va in prestito al Genoa, Pjaca va in prestito alla Fiorentina, Sturaro va in prestito allo Sporting Lisbona prima di essere ceduto al Genoa a gennaio, Mandragora viene ceduto all’Udinese, Cerri al Cagliari e Audero alla Sampdoria. Il mercato sembra definitivamente chiuso, ma a Ferragosto un nuovo colpo di scena commuove i tifosi bianconeri: dopo 25 alla Juventus Claudio Marchisio decide di rescindere il proprio contratto e di provare una nuova esperienza all’estero con lo Zenit San Pietroburgo. In inverno va via - non senza polemiche - anche Benatia, prima vera riserva del reparto arretrato che ha lasciato Torino per trovare maggiori spazi.

La Juve conquista il suo ottavo scudetto consecutivo

Lo Scudetto 2018-19 è frutto di 28 vittorie, 3 pareggi e 2 sole sconfitta. Un ruolino di marcia che ha consentito alla Juventus di dominare la classifica della Serie A sin dalla prima giornata. Una costanza di rendimento confermata anche dai numeri della stagione: miglior difesa con appena 23 gol subiti e miglior attacco con ben 67 gol segnati.

Classifica marcatori Juventus: CR7 si conferma bomber e assistman

Era stato accolto come un re al suo arrivo a Torino e il suo rendimento alla prima stagione in bianconero non ha deluso le aspettative, nonostante il piccolo infortunio muscolare subito a metà marzo. Cristiano Ronaldo vince per distacco la classifica cannonieri della Juventus 2018-19 con ben 19 gol (5 rigori) realizzati in 26 partite. E si conferma anche un generoso uomo assist con 6 passaggi decisivi ai compagni. Sul podio dei migliori marcatori stagionali salgono Mario Mandzukic 8 gol e la coppia formata da Paulo Dybala e Moise Kean.

Classifica marcatori della Juventus 2018-19:

  • 19 gol: Cristiano Ronaldo
  • 8 gol: Mandzukic
  • 5 gol: Dybala, Kean
  • 4 gol: Emre Can
  • 3 gol: Matuidi e Bonucci
  • 2 gol: Bernardeschi, Bentancur, Rugani, Khedira e Pjanic
  • 1 gol: Cuadrado, Chiellini, Douglas Costa, Cancelo e Alex Sandro

Classifica assistman della Juventus 2018-19:

  • 6 assist: Cristiano Ronaldo e Mandzukic
  • 5 assist: Pjanic
  • 3 assist: Dybala, Alex Sandro, Bentancur e Bernardeschi
  • 2 assist: Matuidi e Cancelo
  • 1 assist: Chiellini, De Sciglio, Emre Can e Cuadrado

Girone d’andata: Juventus Campione d’inverno

Il cammino della Juventus nel girone d’andata è semplicemente perfetto. Il 2018 si chiude con un bottino di 53 punti, record assoluto per un campionato a 20 squadre, con ben 17 vittorie e 2 pareggi. Un’inesorabile marcia di avvicinamento al titolo di Campione d’inverno, ipotecato con due giornate d’anticipo e 9 punti di vantaggio sul Napoli secondo. L’esordio a Verona contro il Chievo parte subito in salita con la Juventus costretta a vincere in rimonta grazie a un gol di Bernardeschi al 93’. Va meglio alla prima in casa: netto 2-0 contro la Lazio con le firme di Pjanic e Mandzukic. Cristiano Ronaldo fatica a sbloccarsi nelle prime tre giornate di ma dopo la pausa per le nazionali arriva la prima doppietta italiana contro il Sassuolo.

Alla 7^ giornata ecco il primo big match della stagione: Juventus-Napoli. Partenopei subito in vantaggio con Mertens al 10’ ma bianconeri bravi a non disunirsi e a ribaltare il risultato grazie a una doppietta di Mandzukic e al 3-1 finale di Bonucci. È il primo decisivo allungo stagionale: 8 vittorie nelle prime 8 gare. Il pari interno contro il Genoa alla 9^ fa infuriare Allegri ma non basta a frenare il dominio bianconero. A novembre arriva un filotto di 4 vittorie consecutive, nonostante le complicate trasferte contro il Milan e la Fiorentina. A San Siro, il protagonista in negativo è l’ex Higuain: prima fallisce un calcio di rigore parato dall’ottimo Szczesny, poi viene espulso per proteste.

La vittoria del Franchi con un netto 3-0 è il preludio al ciclo terribile di dicembre col calendario che prevede: Juventus-Inter alla 15^, il derby di Torino alla 16^, Juventus-Roma alla 17^ e le sfide ravvicinate contro Atalanta e Sampdoria a chiudere il girone d’andata. I bianconeri soffrono in casa contro la squadra di Spalletti ma poi passano con un gol decisivo di Mandzukic, mentre è Cristiano Ronaldo a decidere su calcio di rigore la sfida all’Olimpico di Torino contro i granata. A interrompere la serie di 8 vittorie consecutive è la banda Gasperini alla 18^ giornata. Un 2-2 sofferto per i bianconeri che tornano a vincere in casa appena tre giorni dopo contro la Samp. Decide la gara una doppietta di Cristiano Ronaldo, che chiude il girone d’andata in testa alla classifica dei marcatori di Serie A con 14 reti in 19 presenze.

Girone di ritorno: Juventus in fuga verso lo Scudetto

Il 2019 della Juventus si apre con la vittoria della Supercoppa italiana nella finale di Gedda contro il Milan. Il Campionato riparte il 21 gennaio dopo la lunga sosta invernale, ma il leitmotiv bianconero non cambia. Nelle prime sei giornate del girone di ritorno arrivano 5 vittorie e un rocambolesco pari interno per 3-3 contro il Parma. La Juve appare inarrestabile portando a +13 il vantaggio sul Napoli in vista dello scontro diretto del San Paolo in programma alla 26^ giornata. La sfida resta in equilibrio fino al 25', quando Meret stende Cristiano Ronaldo fuori area e viene espulso. Sul successivo calcio di punizione Pjanic mette a segno l’1-0 e indirizza la gara verso il 2-1 finale, con Insigne che calcia sul palo il rigore del possibile pari all’86'. I bianconeri espugnano Napoli e vanno in fuga. Allegri mette nel mirino il record di Antonio Conte: 102 punti conquistati al termine della stagione 2013-14. A metà marzo arriva però la doccia fredda con l’infortunio in nazionale di CR7: 3 settimane di stop per il portoghese e prima sconfitta in Serie A per la Juventus nella trasferta di Marassi contro la bestia nera Genoa. È l’ultimo sussulto della stagione 2018-19. Il Napoli distratto dai quarti di Europa League sbanda due volte. La Juventus centra il filotto decisivo contro Empoli, Cagliari e Milan, perde con la Spal e poi conquista i tre punti decisivi in casa con la Fiorentina.

Tabellini Serie A: il cammino della Juventus verso lo Scudetto 2018-19

1^ Giornata: Chievo-Juventus 2-3
Marcatori: Khedira 3', Stepinski 38', Giaccherini (rig.) 56', Bani (aut.) 75', Bernardeschi 93'
Formazione Juventus: Szczesny, Joao Cancelo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro, Khedira (Emre Can 84'), Pjanic, Cuadrado (Bernardeschi 56'), Dybala, Douglas Costa (Mandzukic 64'), C. Ronaldo. All. Allegri.

2^ Giornata: Juventus-Lazio 2-0
Marcatori: Pjanic 30', Mandzukic 75'
Formazione Juventus: Szczesny, Joao Cancelo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro, Khedira (Bentancur 84'), Pjanic (Emre Can 69'), Matuidi, Bernardeschi (Douglas Costa 59'), Mandzukic, C. Ronaldo. All. Allegri.

3^ Giornata: Parma-Juventus 1-2
Marcatori: Mandzukic 2', Gervinho 33', Matuidi 58'
Formazione Juventus: Szczesny, Cuadrado, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro, Khedira (Dybala 80'), Pjanic (Emre Can 73'), Matuidi, Bernardeschi (Douglas Costa 55'), Mandzukic, C. Ronaldo. All. Allegri.


4^ Giornata
: Juventus-Sassuolo 2-1
Marcatori: C. Ronaldo 50', C. Ronaldo 65', Babacar 91'
Formazione Juventus: Szczesny, Joao Cancelo, Bonucci, Benatia, Alex Sandro (Cuadrado 80'), Khedira, Emre Can (Bentancur 71'), Matuidi, Dybala, Mandzukic (Douglas Costa 61'), C. Ronaldo. All. Allegri.

5^ Giornata: Frosinone-Juventus 0-2
Marcatori: C. Ronaldo 81', Bernardeschi 94'
Formazione Juventus: Szczesny, Cuadrado (Joao Cancelo 69'), Rugani, Chiellini, Alex Sandro, Emre Can, Pjanic, Bentancur (Bernardeschi 56'), Dybala, Mandzukic (Matuidi 85'), C. Ronaldo. All. Allegri.

6^ Giornata: Juventus-Bologna 2-0
Marcatori: Dybala 12', Matuidi 16'
Formazione Juventus: Perin, Barzagli (Alex Sandro 85'), Bonucci, Benatia, Cuadrado (Bernardeschi 76'), Bentancur, Pjanic (Emre Can 64'), Matuidi, Joao Cancelo, Dybala, C. Ronaldo. All. Allegri.

7^ Giornata: Juventus-Napoli 3-1
Marcatori: Mertens 10', Mandzukic 26', Mandzukic 49', Bonucci 76'
Formazione Juventus: Szczesny, Joao Cancelo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro, Emre Can (Bentancur 61'), Pjanic, Matuidi, Dybala (Bernardeschi 64'), Mandzukic (Cuadrado 84'), C. Ronaldo. All. Allegri

8^ Giornata: Udinese-Juventus 0-2
Marcatori: Bentancur 33', C. Ronaldo 37'
Formazione Juventus: Szczesny, Joao Cancelo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro, Bentancur, Pjanic (Barzagli 89'), Matuidi (Emre Can 46'), Dybala (Bernardeschi 66'), Mandzukic, C. Ronaldo. All. Allegri.

9^ Giornata
: Juventus-Genoa 1-1
Marcatori: C. Ronaldo 18', Bessa 67'
Formazione Juventus: Szczesny, Joao Cancelo, Bonucci, Benatia, Alex Sandro, Bentancur, Pjanic, Matuidi (Dybala 71'), Cuadrado (Douglas Costa 59'), C. Ronaldo, Mandzukic (Bernardeschi 81'). All. Allegri

10^ Giornata: Empoli-Juventus 1-2
Marcatori: Caputo 28', C. Ronaldo (rig.) 54', C. Ronaldo 70'
Formazione Juventus: Szczesny, De Sciglio (Barzagli 90'), Rugani, Bonucci, Alex Sandro, Bentancur, Pjanic (Douglas Costa 80'), Matuidi, Bernardeschi (Cuadrado 66'), Dybala, C. Ronaldo. All. Allegri

11^ Giornata: Juventus-Cagliari 3-1
Marcatori: Dybala 1', Joao Pedro 36', Bradaric (aut.) 38', Cuadrado 87'
Formazione Juventus: Szczesny, Joao Cancelo, Bonucci, Benatia, De Sciglio, Bentancur, Pjanic (Alex Sandro 70'), Matuidi (Barzagli 83'), Douglas Costa (Cuadrado 46'), C. Ronaldo, Dybala. All. Allegri

12^ Giornata: Milan-Juventus 0-2
Marcatori: Mandzukic 8', C. Ronaldo 81'
Formazione Juventus: Szczesny, Joao Cancelo, Benatia, Chiellini, Alex Sandro, Bentancur, Pjanic (Khedira 74'), Matuidi, Mandzukic, Dybala (Douglas Costa 79'), C. Ronaldo. All. Allegri.

13^ Giornata: Juventus-Spal 2-0
Marcatori: C. Ronaldo 29', Mandzukic 60'
Formazione Juventus: Perin, De Sciglio, Rugani, Bonucci, Alex Sandro (Chiellini 86'), Cuadrado, Pjanic, Bentancur, Douglas Costa (Matuidi 72'), Mandzukic, C. Ronaldo. All. Allegri.
14^ Giornata: Fiorentina-Juventus 0-3
Marcatori: Bentancur 31', Chiellini 69', C. Ronaldo (rig.) 79'
Formazione Juventus: Szczesny, De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Joao Cancelo, Cuadrado (Douglas Costa 83'), Bentancur, Matuidi, Dybala, Mandzukic (Kean 88'), C. Ronaldo (Bernardeschi 80'). All. Allegri.

15^ Giornata: Juventus-Inter 1-0
Marcatori: Mandzukic 66'
Formazione Juventus: Szczesny, Joao Cancelo, Bonucci, Chiellini, De Sciglio, Bentancur, Pjanic (Emre Can 82'), Matuidi, Dybala (Douglas Costa 72'), Mandzukic, C. Ronaldo. All. Allegri.

16^ Giornata: Torino-Juventus 0-1
Marcatori: C. Ronaldo (rig.) 70'
Formazione Juventus: Perin, De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro, Emre Can, Pjanic, Matuidi, Dybala, Mandzukic, C. Ronaldo. All. Allegri.

17^ Giornata: Juventus-Roma 1-0
Marcatori: Mandzukic 35'
Formazione Juventus: Szczesny, De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro, Bentancur, Pjanic (Emre Can 70'), Matuidi, Dybala (Dougla s Costa 80'), Mandzukic, C. Ronaldo. All. Allegri.

18^ Giornata: Atalanta-Juventus 2-2
Marcatori: Djimsiti (aut.) 2', Duvan Zapata 24', Duvan Zapata 56', C. Ronaldo 78'
Formazione Juventus: Szczesny, De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro, Bentancur, Emre Can, Khedira (C. Ronaldo 65'), Dybala, Mandzukic, Douglas Costa (Pjanic 57'). All. Allegri.

19^ Giornata
: Juventus-Sampdoria 2-1
Marcatori: C. Ronaldo 2', Quagliarella (rig.) 33', C. Ronaldo (rig.) 65'
Formazione Juventus: Perin, De Sciglio, Rugani, Chiellini, Alex Sandro, Emre Can, Pjanic, Matuidi (Douglas Costa 82'), Dybala, Mandzukic (Bernardeschi 69'), C. Ronaldo. All. Allegri.

20^ Giornata: Juventus-Chievo 3-0
Marcatori: Douglas Costa 13', Emre Can 45', Rugani 84'
Formazione Juventus: Perin, De Sciglio, Rugani, Chiellini, Alex Sandro (Kean 89'), Douglas Costa (Bentancur 75'), Emre Can, Matuidi, Bernardeschi (Spinazzola 86'), Dybala, C. Ronaldo. All. Allegri.

21^ Giornata: Lazio-Juventus 1-2
Marcatori: Emre Can (aut.) 59', Joao Cancelo 74', C. Ronaldo (rig.) 88'
Formazione Juventus: Szczesny, De Sciglio, Rugani, Chiellini (Joao Cancelo 27'), Alex Sandro, Khedira (Pjanic 71'), Bentancur, Matuidi, Bernardeschi, Dybala (Douglas Costa 61'), C. Ronaldo. All. Allegri.

22^ Giornata: Juventus-Parma 3-3
Marcatori: C. Ronaldo 36', Rugani 62', Barillà 64', C. Ronaldo 66', Gervinho 74', Gervinho 93'
Formazione Juventus: Perin, Joao Cancelo, Rugani, Caceres, Spinazzola, Khedira (Bentancur 78'), Pjanic, Matuidi, Douglas Costa (Bernardeschi 46' - Emre Can 87'), Mandzukic, C. Ronaldo. All. Allegri.

23^ Giornata: Sassuolo-Juventus 0-3
Marcatori: Khedira 23', C. Ronaldo 70', Emre Can 86'
Formazione Juventus: Szczesny, De Sciglio, Rugani, Caceres, Alex Sandro, Khedira (Bentancur 66'), Pjanic, Matuidi (Emre Can 85'), Bernardeschi (Dybala 83'), Mandzukic, C. Ronaldo. All. Allegri.
24^ Giornata: Juventus-Frosinone 3-0
Marcatori: Dybala 6', Bonucci 17', C. Ronaldo 63'
Formazione Juventus: Szczesny, Joao Cancelo, Bonucci, Chiellini (Caceres 70'), De Sciglio, Bentancur, Emre Can, Khedira (Pjanic 81'), Dybala, Mandzukic, C. Ronaldo (Bernardeschi 64'). All. Allegri.

25^ Giornata: Bologna-Juventus 0-1
Marcatori: Dybala 67'
Formazione Juventus: Perin, De Sciglio, Bonucci, Rugani, Alex Sandro (Dybala 59'), Joao Cancelo, Bernardeschi (Chiellini 86'), Bentancur, Matuidi (Pjanic 78'), Mandzukic, C. Ronaldo. All. Allegri.

26^ Giornata: Napoli-Juventus 1-2
Marcatori: Pjanic 28', Emre Can 39', Callejon 61'
Formazione Juventus: Szczesny, Joao Cancelo (De Sciglio 61'), Bonucci, Chiellini, Alex Sandro, Emre Can, Pjanic, Matuidi, Bernardeschi (Dybala 85'), Mandzukic (Bentancur 74'), C. Ronaldo. All. Allegri.

27^ Giornata: Juventus-Udinese 4-1
Marcatori: Kean 11', Kean 39', Emre Can (rig.) 67', Matuidi 71', Lasagna 85'
Formazione Juventus: Szczesny, Caceres, Barzagli (Bonucci 25'), Rugani, Spinazzola, Emre Can, Bentancur, Matuidi (Dybala 72'), Alex Sandro, Bernardeschi, Kean (Nicolussi 80'). All. Allegri

28^ Giornata: Genoa-Juventus 2-0
Marcatori: Sturaro 72', Pandev 81'
Formazione Juventus: Perin, Caceres, Bonucci, Rugani, Joao Cancelo (Bernardeschi 60'), Emre Can, Pjanic, Bentancur (Spinazzola 77'), Alex Sandro, Dybala, Mandzukic (Kean 73'). All. Allegri

29^ Giornata: Juventus-Empoli 1-0
Marcatori: Kean 72'
Formazione Juventus: Szczesny, Joao Cancelo, Rugani, Chiellini, Alex Sandro (Spinazzola 61'), Emre Can, Pjanic, Matuidi (Kean 69'), Bentancur, Bernardeschi (Caceres 84'), Mandzukic. All. Allegri

30^ Giornata: Cagliari-Juventus 0-2
Marcatori: Bonucci 22', Kean 85'
Formazione Juventus: Szczesny, Caceres (Bentancur 61'), Bonucci, Chiellini, De Sciglio, Emre Can, Pjanic, Matuidi, Alex Sandro, Bernardeschi, Kean. All. Allegri.

31^ Giornata: Juventus-Milan 2-1
Marcatori: Piatek 39’, Dybala (R) 60’, Kean 84’
Formazione Juventus: Szczesny, De Sciglio, Bonucci, Rugani, Spinazzola (Pjanic 61’), Bernardeschi, Emre Can (Khedira 25’), Bentancur, Alex Sandro, Dybala (Kean 66’), Mandzukic. All. Allegri

32^ Giornata: Spal-Juventus 2-1

Marcatori: 30' pt Kean (J), 4' st Bonifazi (S), 29' st Floccari (S)

Formazione Juventus: Perin; De Sciglio, Barzagli (37' st Bernardeschi), Gozzi, Spinazzola; Cuadrado, Bentancur, Kastanos (16' st Nicolussi), Cancelo; Dybala, Kean (24' st Mavididi).

33^ Giornata: Juventus-Fiorentina 2-1

Marcatori: 6'pt Milenkovic (F), 37'pt Alex Sandro (J), 8'st aut. Pezzella (J)

Formazione Juventus:Szczesny; Joao Cancelo, Rugani, Bonucci, Alex Sandro; Emre Can, Pjanic (20′st Bentancur), Matuidi; Cuadrado (41'st De Sciglio), Ronaldo, Bernardeschi (30′st Kean).

Formazione tipo della Juventus 2018-19

Analizzando i tabellini è facile ricostruire l’11 titolare più utilizzato da Max Allegri nel corso della stagione. Pur non essendo un amante del concetto dei titolarissimi, l’allenatore livornese ha individuato sin dalla prima sfida di Verona contro il Chievo gli uomini ideali per il suo 4-4-3 atipico, in grado di trasformarsi all’occorrenza in un 4-4-2 o in un 4-3-2-1. In porta Szczesny, erede designato di Gigi Buffon. Difesa a 4 composta da Joao Cancelo terzino destro, Bonucci-Chiellini coppia centrale e Alex Sandro terzino sinistro, con De Sciglio e Spinazzola valide alternative ai due esterni bassi. Centrocampo a tre composto da Emre Can, Pjanic e Matuidi, con Bentancur e Khedira più volte chiamati a far rifiatare due dei tre titolari. Tridente d’attacco formato da Dybala, largo a destra o dietro le due punte, Cristiano Ronaldo punta centrale e Mandzukic largo a sinistra. Decisamente meno utilizzati della passata stagione come armi in più a gara in corso sia Cuadrado, vittima di un grave infortunio, sia Douglas Costa, meno decisivo e costante.

Ma al di là dei moduli, l’intuizione di mister Allegri è stata quella di rispolverare Mario Mandzukic come compagno d’attacco di CR7 chiedendo a Dybala di arretrare il proprio raggio d’azione, quasi in posizione da trequartista. Una mossa determinante soprattutto nel girone d’andata, con l’ariete croato decisivo negli scontri diretti contro Milan, Napoli, Roma e Inter. Non stupisce che gli infortuni di Mandzukic prima e Cristiano Ronaldo poi abbiano costretto Allegri a modificare disegno tattico nel corso del girone di ritorno. Ma la Juventus si è dimostrata squadra matura e dalle grandi qualità, capace di sopperire ad assenze pesanti facendo di necessità virtù con gli innesti a rotazione di Perin, Rugani, Bernardeschi e Moise Kean.

Juventus, formazione tipo 2018/2019: Szczesny; Cancelo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Emre Can, Pjanic, Matuidi; Dybala, Cristiano Ronaldo Mandzukic.

Massimiliano Allegri: l’allenatore della Juventus dell’ottavo scudetto

Uno degli artefici dell’ottavo scudetto consecutivo è Massimiliano Allegri. L’allenatore toscano ha saputo gestire al meglio un gruppo importante, valorizzando ogni componente della rosa. Nonostante gli addii estivi di Marchisio e Buffon, colonne portanti dello spogliatoio bianconero, e quello di Benatia che ha ridotto le scelte in difesa, Allegri in Serie A è riuscito ad alternare tutti i calciatori presenti in rosa. Basti pensare che la Juventus è una delle squadre più camaleontiche dell’interno campionato, dal momento che tutti hanno dato il loro apporto. Merito soprattutto del tecnico bianconero, che ha valorizzato i giovani presenti in rosa facendoli maturare al fianco di campioni dall’indiscutibile carisma come Ronaldo e Chiellini. Le valutazioni tattiche studiate di volta in volta e l’adattamento di alcuni giocatori ai moduli hanno permesso ad Allegri di forgiare una Juventus schiacciasassi, che durante la stagione ha lasciato pochi punti per strada alle avversarie ma, soprattutto, ha saputo indirizzare a proprio vantaggio tutti gli scontri diretti in Serie A. Unico “neo” di una stagione pressoché perfetta in Italia è rappresentato dall’eliminazione dalla Coppa Italia, ma Allegri ha saputo trasformare questa piccola delusione in voglia di rivincita e in fame europea. La panchina d’oro di cui è insignito a marzo e le 100 vittorie in Serie A con la Juventus raggiunte a gennaio sono la testimonianza di un allenatore di successo, capace di indirizzare la partita in qualsiasi momento e di motivare a dovere i propri giocatori sia in Italia che nelle competizioni europee.

Juve, la casa dell’ottavo scudetto è lo Juventus Stadium

Le partite casalinghe della Juventus si disputano nello stadio che prende il nome proprio dal club bianconero. La denominazione è stata poi cambiata in seguito all’accordo commerciale con il gruppo Allianz, già intestatario dello stadio di Monaco di Baviera. Inaugurato nel 2011, lo Juventus Stadium è diventato un vero e proprio fortino per i bianconeri, che possono vantare su un complesso all’avanguardia. Si tratta infatti della prima struttura calcistica in Italia totalmente priva di barriere architettoniche ed ecocompatibile. Lo Juventus Stadium ha inaugurato la stagione degli stadi di proprietà in Italia, ma può vantare al suo interno anche altri pilastri della mondo juventino: lo J-Museum il J-Medical, il J-Village, la Walk of Fame della Juventus e Area 12, un grande centro commerciale a disposizione dei tifosi, il vero dodicesimo uomo in campo a cui è dedicato anche il nome dell’impianto.

Juventus Stadium terzo in Italia per media spettatori

I tifosi sono senza dubbio una delle armi della Juventus. All’interno dello stadio di proprietà del club bianconero spesso si fa registrare il tutto esaurito anche in virtù di un numero di biglietti, 41.507, decisamente inferiore a quella dei più grandi stadi d’Italia. La media spettatori dello Juventus Stadium è però tra le più alte in Italia. In Serie A, solo Inter e Milan fanno meglio della Juve, che si ferma al terzo posto con una media di 39.083 spettatori paganti. Tifosi spesso protagonisti di coreografie da brividi e di un incitamento costante che rappresenta un’arma in più per la Juventus sia in Serie A che in Champions League.

 

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi