Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
25 giugno 2018

#SkyMaldiniDay, auguri Paolo. "Non dico sempre no: al Milan di Barbara ho detto sì e anche alla Nazionale..."

print-icon

Il 26 giugno 1968 nasceva a Milano - quarto di sei figli- Paolo Maldini. Un giocatore unico ed un uomo speciale, che sarebbe diventato uno dei difensori più forti al mondo. Per festeggiare i suoi 50 anni, Sky dedica al mito rossonero una programmazione speciale, tra cui una chiacchierata inedita con Federico Buffa, tra passato e futuro

#SKYBUFFARACCONTA

MALDINI: “MILAN, GIUSTO GRATIFICARE GATTUSO. IO IN FIGC? HO PARLATO CON COSTACURTA, VEDREMO”

Un giorno di festa, per ripercorrere la carriera di uno dei giocatori più forti e che il 26 giugno spegnerà 50 candeline: mezzo secolo di vita per Paolo Maldini e per gli appassionati di calcio, non solo di fede rossonera. Sky Sport ha deciso di celebrare l’ex difensore del Milan e della Nazionale con una programmazione dedicata: #SkyMaldiniDay, speciali inediti, immagini del passato e un’intervista esclusiva in cui Paolo racconta aneddoti, parla del rapporto con il padre, ripercorrendo le tappe più importanti della sua lunghissima carriera. E del futuro che per Maldini può essere legato solo al Milan e alla Nazionale. 

Sky Sport 1 e Sky Supercalcio, martedì 26 giugno, ospiteranno una programmazione no stop (dalle 6 del mattino) dedicata all’ex giocatore del Milan e della Nazionale, riproponendo anche le finali di Champions League del 1994 contro il Barcellona, poi Milan-Juve del 2003 e Milan-Liverpool del 2007.

Lo #SkyMaldiniDay, ospiterà anche una chiacchierata inedita- realizzata al TownHouse Galleria di Milano- tra Federico Buffa e l’ex capitano rossonero: in onda su Sky Sport 1 e Sky SuperCalcio alle 13.30, 18.00, 20.45 ed a mezzanotte. Appuntamento poi con Storie di Campioni: Buffa racconta la Dinastia Maldini: in onda sugli stessio canali alle 12.30 e alle 21.45.

Io e il Milan ci siamo trovati subito, eravamo entrambi molto ambiziosi

“Sono nato a Milano, per me era il massimo giocare nel Milan”. Inizia così il racconto di Paolo Maldini a Federico Buffa. “Sono stato molto fortunato perché gli obiettivi della squadra erano i miei obiettivi: eravamo entrambi molto ambiziosi. Ci siamo trovati alla perfezione. E’ stata una bella cavalcata, tra alti e bassi. In quei bassi sono arrivati gli inglesi. Ferguson? Manchester United, Chelsea e Arsenal. Ma andare via nei momenti no, non è possibile”.

Maldini nel lessico di... Coverciano

Al corso di Coverciano ti insegnano – fa ridere questa cosa, me l’hanno detta i miei ex compagni – se sei un terzino sinistro, su un cambio campo, a girarti in una determinata maniera, da una determinata parte: se non sei Maldini, perché Maldini aveva la possibilità. Questo ti fa capire che non siamo tutti uguali. Quindi molte volte, riuscire a far capire a chi è così integralista, che io posso arrivarci anche in un’altra maniera, anzi, anche meglio di come tu lo stai insegnando, è difficile. E' una bella cosa, era una mia caratteristica, quella di girarmi da una parte e dall’altra senza perdere il contatto, non visivo, perché lo perdevo il contatto visivo, della palla, ma sapevo riuscire a calcolare la mia velocità e la velocità della palla.

Ho sempre cercato la partita perfetta

Quando mi sono accorto che sarei diventato quello che sono diventato? Sinceramente il giorno dell’esordio: a Udine, sinceramente, ho finito la partita e ho detto: “Ma io allora posso giocare in Serie A”, e fino allora sinceramente non lo avevo pensato. Mi sono detto: “Ma io ho giocato bene, no? Mi sono piaciuto”. Mi sono piaciuto è una parola grossa perché alla fin fine, mi sono reso conto che nell’arco della mia carriera calcistica ho sempre cercato la partita perfetta e non sono mai riuscito a farla, soprattutto giocando da terzino, perché poi se giochi da centrale hai più possibilità di fare zero errori, ma da terzino è quasi impossibile. Comunque e quel giorno lì io ho detto: “Accidenti, io posso giocare coi campioni…”

Soddisfatto di quanto ho avuto dal calcio

Giocare il Mondiale con tuo padre in panchina, avresti vinto più volentieri per lui, che per te? "Sì, ma anche per l’Italia, per me, per i compagni, però… è una sensazione, ti posso dire, non troppo piacevole, però ha avuto questa possibilità ed ha avuto comunque una cavalcata bellissima". Sarai ricordato come il giocatore che ha giocato più minuti al mondiale, senza vincere niente. "Succede, non si può avere tutto, non posso che essere soddisfatto da quello che ho avuto dal calcio".

Mai stato il proprietario del Miami

Mai stato il proprietario del Miami, non mi sono mai trasferito là, ho aiutato…Diciamo che c’era un inizio di idea, ma non è andata avanti. Ho aiutato il proprietario a trovare un direttore sportivo e un allenatore, che poi era Alessandro Nesta, e poi non ho proseguito con loro.

Al Milan di Barbara ho detto sì. A Fassone ho risposto no. Alla Nazionale...

Il no esiste nella mia vita. La percezione è che sia prevalente, ma se poi vado a vedere nella realtà dei fatti, non è sempre così, perché, parliamo di lavoro post-carriera, alla fine della fiera le mie occasioni sono molto limitate, avendo fatto tutta la vita con il Milan e con la Nazionale. E quindi nel calcio, diciamo, mi posso legare solamente a queste due entità.

Al Milan di Barbara ho detto di sì, poi però… sinceramente non so neanche quello…Ci sono andato molto vicino. Almeno, così secondo le parole che mi dicevano. Al Milan di Fassone ho detto di no. Vero. Quello è stato probabilmente l’unico no che ho detto. Alla Nazionale, invece, ho detto due volte di sì come team manager, o perlomeno: “Parliamone”, in occasione del mondiale in Brasile e prima dell’eventuale mondiale in Russia, ma poi non si sono fatti più sentire. Quindi non è proprio vero che il no sia prevalente. Certo che il no ha una parte importante. Non avendo la necessità di fare per forza qualcosa nel mondo del calcio…

 

La programmazione speciale di martedì 16 giugno su Sky Sport 1 e Sky SuperCalcio

 

12.30    Storie di Campioni - Dinastia Maldini

13.30    Federico Buffa Incontra Paolo Maldini

20.15    History Remix Champions League Paolo Maldini

20.45   Federico Buffa Incontra Paolo Maldini

21.45    Storie di Campioni - Dinastia Maldini    

24.00   Federico Buffa Incontra Paolo Maldini

01.00   History Remix Champions League Paolo Maldini

#SkyMaldiniDay: tutti i video

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi