12 marzo 2009

Dossena, Toni, Rossi: l'Italia è ancora in Champions

print-icon
dos

Andrea Dossena ha segnato il suo primo gol in Champions nel poker rifilato dal Liverpool al Real Madrid

QUI LONDRA. Dopo la disfatta di Inter, Roma e Juve, c'è ancora chi tiene a galla l'orgoglio del Bel Paese. Fari puntati sull difensore ex Treviso che ha segnato il suo primo gol in Europa nel 4-0 del Liverpool sul Real. Avanzano anche Bayern e Villarreal

Tutta la UEFA Champions League è solo su Sky

OGGI LA VIDEOCHAT CON VIALLI E ROSSI

INTERVIENI NEI FORUM DI INTER, ROMA E DELLA CHAMPIONS

di LORENZO LONGHI
da Londra


A fronte alla disfatta dei club di casa nostra nella triplice sfida con il calcio inglese che, in un colpo solo, ha cancellato dalla geografia della Champions League l'Italia, in Inghilterra c’è però almeno un italiano felice, uno che gli ottavi di finale li ha vissuti da protagonista ma stando sul lato... sbagliato della barricata, o forse su quello giusto, guardando la vicenda dal suo punto di vista, ovvero il lato inglese: è Andrea Dossena che, martedì sera, si è levato la soddisfazione della prima rete personale in Champions niente meno che contro il Real Madrid (strapazzato con un mirabolante 4-0 dai Reds) ed è un dei pochi italiani, assieme a Toni e Giuseppe Rossi, che i quarti di finale della competizione non li vedrà solamente dalla tv. Martedì sera è entrato in campo giusto nel finale, sul 3-0, per far godere la passerella a Fernando Torres. Gli sono bastati una manciata di secondi per lasciare il segno: minuto 88, cross di Mascherano e piattone sinistro sottomisura del ventisettenne ex Udinese per il 4-0. Un gol, il primo con la maglia del Liverpool, il primo in Champions, contro un certo Iker Casillas, di fronte al Real. Il Real di Fabio Cannavaro - l'ennesimo italiano strapazzato dagli inglesi nella due giorni europea - di una difesa pessima.

Difficile chiedere di più, per l'inglese Dossena, che dopo la rete ha esultato battendo il pugno sul petto per tre volte, che fa molto "football working class hero", per un terzino non da copertina ma di rendimento e che a Liverpool spesso fa la panchina a Fabio Aurelio e Insua. Ma in Inghilterra (dove un mese fa pure la Nazionale, a Londra, ha perso contro il Brasile), è lui l'unico volto vincente del nostro calcio. "Il mio sogno era giocare la Champions League - è scritto sul suo profilo sul sito dei Reds - e il Liverpool è abituato a certe grandi partite". E sabato, all'Old Trafford, si giocherà Manchester United-Liverpool , ultima chiamata per i Reds in chiave scudetto. Dossena ci sarà. Lì, come in Champions.

CHAMPIONS LEAGUE 2017-2018

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky