22 ottobre 2009

Il Galacticidio & Leonardo, o Superbia contro Umiltà. I GOL

print-icon
pat

Il giorno dopo la batosta rifilata dal Milan al Real in Champions, i giornali spagnoli concordano: "Abbiamo resuscitato i rossoneri". Il tecnico: "Noi abbiamo fatto una cosa enorme". Ecco perché. LA GALLERY, I GOL DEL MILAN E TUTTI QUELLI DELLA CHAMPIONS!

Tutta la UEFA Champions League è solo su Sky

TUTTI I GOL DELLA TERZA GIORNATA DI CHAMPIONS

di AUGUSTO DE BARTOLO

Per capire, basta partire dai giornali. "Tornano i vecchi fantasmi" per il Real Madrid neogalactico, da anni incapace di arrivare alle fasi finali della Champions e battuto in casa dal "peggior Milan degli ultimi anni": lo scriveva, nel dopo partita, l'edizione on line del quotidiano sportivo Marca.

"Il Real Madrid resuscita il Milan" titola invece As. Per l'altro grande giornale sportivo di Madrid "l'arbitraggio è stato nefasto: è stato negato un rigore su Benzema, e annullato un gol valido agli italiani". L'edizione on line del catalano Mundo Deportivo titola "Galacticidio" e rileva che il Milan ha battuto il Real "con un'ultima mezzora di prima classe". Infine per El Pais "Il Madrid  ringiovanisce il Milan", e sottolinea che i rossoneri hanno approfittato della debolezza della squadra di Pellegrini per espugnare il Bernabeu.

A Madrid, dunque, è stata la notte di Leonardo e il brasiliano usa aggettivi mai sentiti da lui per descrivere la vittoria sul Real. "Abbiamo fatto qualcosa di incredibile, di enorme", dice senza alzare il tono della voce. "E' il Milan che volevo sin dall'inizio della stagione, con tutti gli uomini di qualità in campo - spiega l'allenatore rossonero -. Dopo il fischio finale della partita vinta con la Roma, ho detto: ecco quello che voglio, e la società ha appoggiato la mia scelta...".

L'adrenalina per l'epica vittoria è ancora in corpo, le immagini del gol di Pato passano come flash back nella mente. Ma allora vuoi vedere che è arrivato il momento della svolta? Baratro o El Dorado, senza mezze misure, di mediocrità ce n'è stata fin troppa, era il bivio che la squadra, Leonardo e la società avevano di fronte. Il rischio di prendere la direzione sbagliata era altissimo al cospetto di un Real che ha già saputo ferire il Milan in sede di campagna acquisti. L'addio di Kakà, gioco e motivazioni sbiadite, le difficoltà in campionato e alla seconda di Champions, avevano solleticato la fantasia dei bookmakers e ingolosito lo "sborone" Manuel Pellegrini che andando troppo oltre le canoniche frasi di circostanza aveva preannunciato e pregustato una goleada dei suoi.

Peccato, anzi peccati, i 7 e per di più capitali commessi dal candido imputato Real. Superbia, Avarizia, Lussuria, Invidia, Gola, Ira e Accidia: colpevole per tutti. Questa volta ha pagato il "low profile" di Mourinhana memoria, una sorta di elaborazione moderna del concetto di "umiltè" che il vate di Fusignano, il buon Arrigo Sacchi inculcò a un Milan che seppe già fare male al Real. Una qualità che da due partite a questa parte i rossoneri e Leonardo hanno ritrovato raschiando il barile alla ricerca della nuova scintilla che riaccendesse il motore.



Bene, benissimo: corsa, quantità, spirito di sacrificio, disponibilità al gioco di squadra anche delle stelle più blasonate (Ronaldinho su tutti), sono le qualità che hanno pagato e che stridono con i proclami di inizio stagione sulle sopravvalutate possibilità di una squadra che non può vivere di luce riflessa ma che deve tentare di costruire i successi con fatica e sudore, con quella "straordineria umiltè" che, allora, segnò l'inizio di una nuova epoca.

SCOPRI IL NUOVO FANTACAMPIONI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT
 

CHAMPIONS LEAGUE 2017-2018

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky