25 novembre 2009

Mourinho: "Mi aspettavo un'Inter con meno paura di giocare"

print-icon
cha

Il gol di Piquè che ha aperto le marcature di Barcellona-Inter

L'allenatore nerazzurro analizza la sconfitta per 2-0 contro il Barça: "L'assenza di Snejider è pesata di più di quelle di Ibra e Messi. Loro hanno avuto un ritmo più alto, noi sbagliavamo pure le rimesse laterali". GUARDA I GOL DELLA CHAMPIONS SU SKY.it

Tutta la UEFA Champions League è solo su Sky

GUARDA TUTTI I GOL DELLA CHAMPIONS

Una sconfitta che brucia. Molto. L'allenatore dell'Inter José Mourinho prova ad analizzare i motivi della sconfitta subita al Camp Nou: "Per il Barcellona non è un problema avere degli assenti perché hanno una struttura di gioco che può evitare queste cose - ha detto l'allenatore portoghese -. Pedro non è Messi, ma è un grande giocatore. A noi, invece, Sneijder è mancato molto di più che due giocatori a loro. Sneijder per qualità in possesso palla è un giocatore che pensa più velocemente degli altri. È un giocatore che per caratteristiche si può paragonare a Xavi e Messi. Ma dopo una partita che si perde senza alcun tipo di dubbio non è il caso di parlare di Sneijder". "Il Barcellona ha giocato molto meglio nel primo tempo - prosegue il tecnico portoghese - e il 2-0 si giustifica con questi 45'. Nella ripresa siamo andati molto meglio noi, ma il Barcellona ha meritato comunque di vincere. Certo, ci sarebbe stato un rigore su Eto'o che ci avrebbe dato molta più fiducia. Era netto, ma qui a Barcellona sappiamo come vanno le cose. Se fosse capitato nella nostra area, l'arbitro non ci avrebbe pensato due volte a concederlo".

"Mi aspettavo una squadra con meno paura di giocare - poi confessa Mourinho -. Il Barcellona comunque ha avuto un ritmo più alto sia in fase offensiva che difensiva. Pressavano moltissimo. Xavi e Iniesta, poi, non hanno eguali al mondo. Nel secondo tempo abbiamo creato qualcosa di più con un 4-4-2, ma non c'è stato niente da fare. Siamo ancora lontani dal Barcellona: per qualità dei giocatori e per organizzazione di gioco. Magari in una partita a eliminazione diretta potremmo giocarcela. Ma confrontando le due squadre, i migliori sono loro. Nel primo tempo non riuscivamo nemmeno a fare due passaggi. Dovevamo aspettare più bassi, non andando a pressare come faceva Motta su Busquets. Adesso mi piace pensare che il Rubin non possa giocare per il pareggio contro di noi. A noi, invece, basta uno 0-0 per passare agli ottavi. Sono fiducioso che a San Siro si possa farcela".

GIOCA A FANTACAMPIONI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT
 

COMMENTA NEI FORUM

CHAMPIONS LEAGUE 2017-2018

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky