15 febbraio 2011

Milan, pioggia e lacrime: il Tottenham gela San Siro, è 0-1

print-icon
pat

Peter Crouch esulta dopo la rete del successo

Un gol di Crouch a dieci minuti dal termine ha regalato agli inglesi la vittoria nella sfida di andata degli ottavi di Champions. Ibrahimovic, rete annullata nel recupero. Finisce in rissa tra Gattuso e Joe Jordan, vice di Redknapp. LE FOTO

Tutta la UEFA Champions League è solo su Sky

Guarda i video: le emozioni della Champions minuto per minuto

I gol della Champions da Sky Sport

Rissa Gattuso-Jordan: le foto

Le pagelle di Milan-Tottenham

Guarda la cronaca del match


MILAN-TOTTENHAM 0-1
80' Crouch

Primo: non prendere gol. L'auspicio-intento della vigilia di Massimiliano Allegri non è andato a buon fine, ed ecco il Milan costretto a leccarsi le ferite dopo lo 0-1 che ha consentito al Tottenham di sbancare San Siro nell'andata degli ottavi di Champions League. Una sconfitta di misura, per i rossoneri, ma pesantissima, più ancora dell'autentico diluvio che si è abbattuto sullo stadio per tutta la durata del primo tempo. La firma del carnefice è quella di Peter Crouch, che ha freddato facilmente Amelia a dieci minuti dal termine dopo un contropiede rapidissimo di Aaron Lennon su pallone perso da Zlatan Ibrahimovic. Ma lo stesso Ibra, nel recupero, ha segnato la rete del pareggio: anzi l'avrebbe segnata, non fosse che l'arbitro Lannoy ha valutato bene una carica dell'attaccante annullando la marcatura (92'). Lacrime rossonere e figuraccia finale, a causa di una clamorosa rissa nel finale fra Gattuso e Joe Jordan, ex rossonero oggi componente dello staff tecnico del Tottenham.

Niente da fare, dunque. Il Milan ci aveva provato con Yepes, ruvido centrale che in partita si è rivelato essere l'attaccante più pericoloso fra i rossoneri, ma bravo almeno quanto lui si è rivelato Heurelio Gomes, che per due volte gli ha negato la rete con riflessi eccellenti. Per il resto, sotto una pioggia che ha reso scivolosissimo il terreno di gioco, le due squadre hanno pensato bene di menarsi senza esclusione di colpi. Così la barella ha portato fuori - con tanto di collare ortopedico - prima Abbiati, messo k.o. da un colpo alla testa dopo un'uscita su Crouch (trauma cervicale per il portiere, poi trasportato in ospedale per accertamenti), poi Corluka letteralmente azzoppato da un intervento da brivido di Flamini. Il quale, peraltro, complici le indulgenze dell'arbitro Lannoy si è reso protagonista di una serie di falli realmente pericolosi, terminando l'incontro solo con un'ammonizione. Ma il nervosismo ha preso anche Gattuso, che il giallo se l'è meritato per un fallo da dietro su Pienaar e per questo salterà il ritorno, essendo diffidato, altra pessima notizia per Allegri. Quando poi, nel finale, Lennon se n'è andato per regalare a Crouch la rete del successo, le gocce di pioggia si sono metaforicamente trasformate in lacrime. Perché ora, per il Milan, è davvero dura. Anche perché, a White Hart Lane, ci sarà anche l'incubo Gareth Bale.

Nell'altra sfida degli ottavi in programma, il Valencia e lo Schalke 04 hanno pareggiato 1-1: al vantaggio spagnolo siglato da Soldado ha risposto Raul per i tedeschi. Con questa rete, l'ex madridista ha raggiunto Inzaghi in vetta alla classifica dei marcatori europei con 70 reti.

Commenta nel forum di Fantacampioni

Gioca subito a Fantacampioni!

CHAMPIONS LEAGUE 2017-2018

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky