11 settembre 2011

Milan nel tempio del "tiki-taka", le speranze di Allegri

print-icon
mes

Iniesta, Messi, Villa: tre superstar del Barcellona (Getty)

Martedì grande notte di Champions al Nou Camp (diretta Sky). Massimiliano Allegri la ricetta per battere i marziani l'aveva già annunciata dieci giorni fa: "Il Barcellona non si imita. Piuttosto, andrebbe sconfitto studiando qualcosa di diverso"...

Tutta la UEFA Champions League è solo su Sky

NEWS - La Champions vale oro: 751 milioni nella scorsa stagione - Il sorteggio Champions della fase a gironi - FOTO: il Napoli affondato dal Barça al Gamper - Sanchez, il primo giorno a Barcellona

Gioca subito al nuovo Fantacampioni!

Così su Sky Barcellona-Milan

Chiamatela intuizione, perspicacia, oppure semplice coincidenza. Fatto sta che Massimiliano Allegri la ricetta per battere i marziani l'aveva già annunciata dieci giorni fa: "Il Barcellona non si imita. Piuttosto, andrebbe sconfitto studiando qualcosa di diverso". Basta poco per capire che il ragionamento di "Acciughino" non faceva una grinza.

Guardate Messi, Iniesta, Villa: un pallone d'oro, il match-winner dell'ultima finale mondiale ed uno dei giustizieri del Manchester a Wembley. Talenti in rampa di lancio prima delle scintille della magica notte europea. Abbondanza da far invidia a chiunque, non allo "stratega Max" che si è messo in testa di capovolgere la realtà adottando la legge dello "specchio riflesso". I 2-2 contro Lazio e Real Sociedad nell'ultimo turno di campionato, infatti, hanno sapori opposti: il Milan, rimontando, ha messo in mostra carattere, forza, e capacità di reagire; il Barça, facendosi rimontare, ha invece messo a nudo un'inedita vulnerabilità.

Destini che si sono incrociati al minuto 29, quando Ibra decideva di far tornare la voce a San Siro e Sanchez crollava a terra messo ko da un infortunio muscolare. Il suo volto, dolorante mentre viene trasportato fuori in barella, è l'immagine di un Barcellona triste e preoccupato. Tutt'altra faccia quella di Kevin Prince Boateng, che sembra aver smaltito il dolore alla spalla ed è pronto ad esserci martedì sera al Camp Nou.

Nel tempio del "tiki-taka" potrebbe rappresentare un'arma la qualità in fase di palleggio di gente come Aquilani e soprattutto Cassano, anche se la differenza (come al solito) è chiamato a farla Zlatan Ibrahimovic. L'ago della bilancia, l'ex con il dente avvelenato nei confronti di un Guardiola colpevole di non averlo valorizzato come avrebbe potuto. E chissà che non sia proprio Ibra lo specchio che userà Allegri per ammirare l'immagine del suo Milan. Con la speranza di riscoprirlo bello, di notte, nella tana dei perfetti.

CHAMPIONS LEAGUE 2017-2018

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky