Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
03 aprile 2012

Guardiola: i rigori c'erano. Ibra: ora capisco Mou...

print-icon
gua

L'allenatore del Barcellona, Pep Guardiola

L'allenatore blaugrana esalta la sua squadra: "Abbiamo fatto 21 tiri in porta, il Milan tre". E sui due penalty: "Quando prendi un giocatore per la maglia in area si fischia". La replica dello svedese: "Impossibile spuntarla su questo campo"

VIDEO: tutti i gol da Sky Sport - i video effetto stadio

FOTO - Al Camp Nou la festa del Barça. Milan fuori dall'Europa

"Non era facile giocare contro il Milan, ma siamo riusciti a creare tante palle gol ed a difendere bene". Pep Guardiola, ai microfoni di Sky Sport, loda il suo Barcellona per il 3-1 con cui ha eliminato il Milan dalla Champions. "Abbiamo fatto 21 tiri in porta, il Milan tre. Nel secondo tempo, dopo il 2-1, abbiamo avuto più controllo della partita". A proposito dei rigori trasformati da Messi Guardiola non ha dubbi: "C'erano entrambi, quando prendi un giocatore per la maglia in area si fischia".

"Non capisco il perchè del secondo rigore, ma ora capisco perchè Mourinho si arrabbia sempre al Camp Nou". Parola di Zlatan Ibrahimovic che dopo l'eliminazione del Milan contro il Barcellona se la prende con l'arbitraggio e cita il tecnico del Real Madrid: "E' impossibile spuntarla su questo campo". "Se l'arbitro ha fischiato il secondo rigore - aggiunge Ibrahimovic - allora avrebbe potuto fischiare anche quello su di me".

Ambrosini: "Siamo usciti a testa alta" - "Non eravamo partiti bene, poi eravamo riusciti a recuperare e c'è stato l'episodio del secondo rigore. Nella ripresa loro hanno fatto meglio, noi un po' poco, però abbiamo tenuto testa al Barcellona". Massimo Ambrosini ha poco da rimproverare ad un Milan uscito a testa alta nei quarti di Champions League. L'unico neo, per il capitano rossonero, è il secondo penalty, accordato dall'olandese Kuipers per una trattenuta in area di Nesta: "E' il solito discorso - dice a Sky - In ogni angolo ci sono determinate cose però non esiste una uniformità di giudizio. Ci vuole coraggio a condizionare in maniera così importante un quarto di Champions...". Il passaggio del turno dei blaugrana, però, è meritato: "Che il Barcellona sia la più forte in circolazione lo sapevamo. Abbiamo giocato le nostre carte ed usciamo a testa alta, senza rimpianti. Forse dovevamo fare qualcosa in più, ma un po' di differenza a loro favore c'è stata".

Nesta: "Grande Barça ma il Milan può avvicinarlo" - "Avevamo messo a posto l'incontro, ma loro sono molto forti. E poi hanno Messi, che accelera 70 volte a partita e fa la differenza". Alessandro Nesta si rammarica per l'uscita del Milan ma guarda avanti: "Il Milan ha la forza economica per avvicinarsi al Barcellona". Quanto alla partita "si poteva fare meglio nelle ripartenze - dice - come è stato in occasione del gol". Sul secondo rigore il difensore lamenta l'atteggiamento di Puyol: "Lui spinge e l'arbitro fischia prima che la palla parta dal calcio d'angolo. Almeno questa è l'impressione che ho avuto io dal campo".

Barbara Berlusconi: "Arbitraggio discutibile" - "E una serata amara". Così Barbara Berlusconi commenta la sconfitta contro il Barcellona che costa al Milan l'eliminazione dalla Champions League. "Il direttore di gara ha forse condizionato la gara con decisioni discutibili - ha detto Barbara Berlusconi, membro del cda rossonero, in una dichiarazione all'Ansa -. Complimenti comunque a questo Barcellona, che dimostra sempre grande forza e grande qualità".