user
08 agosto 2017

Napoli, Jorginho: "Nizza avversario duro. In Serie A gap si è ridotto"

print-icon
Jorginho

Jorginho, dal 2014 al Napoli (Foto Getty)

Il centrocampista italo brasiliano non ammette sconfitte: "Non abbiamo alternative, dobbiamo qualificarci". Sulla prossima Serie A invece dice: "La Juve non è favorita come gli ultimi anni. Il gap si è ridotto". Infine critica Ventura: "Non capisco le sue scelte"

Tra meno di due settimane riparte la Serie A, ma la testa del Napoli e dei napoletani è focalizzata sul 16 agosto, giorno nel quale gli azzurri disputeranno l'andata dei preliminari di Champions contro il Nizza. Lo sa bene Jorginho che vuole assolutamente centrare l'obiettivo: "Per noi non ci sono alternative - dice l'italo brasiliano -. Il Nizza è un avversario duro e avrà nelle gambe già un paio di partite di campionato, ma dobbiamo andare in Champions e basta. Stiamo lavorando intensamente e credo siamo vicini alla migliore condizione. Sarri è un perfezionista, cura tutti i dettagli, dalla parte tecnico-tattica a quella fisico mentale". Il centrocampista non accontona però il sogno scudetto: "Sarà la Serie A più complicata degli ultimi anni. La Juventus non sarà la favorita come nelle ultime stagioni perché noi e la Roma abbiamo accorciato le distanze. Poi ci sono anche le milanesi che, dopo il mercato effettuato, sono tra le favorite. In generale il distacco tra le big si è ridotto, ci sarà maggiore equilibrio".

A differenza delle altre, il Napoli è una delle poche a non aver cambiato praticamente nulla in questo mercato: "La nostra forza è il gruppo - spiega Jorginho -.Nello spogliatoio c'è grande intesa. Insieme alla qualità dei giocatori abbiamo anche un grande allenatore, la cui mentalità ci ha cambiato e migliorato del tutto. Questo Napoli stupirà". Napoli di cui il centrocampista è ormai diventato leader: "Non è un ruolo che mi pesa - afferma il 25enne nativo di Imbituba -. Non mi sento presuntuoso se dico di sentirmi tale anche se in questa squadra tutti hanno la loro importanza. E oltre al gioco ci metto anche l'allegria. In me hanno creduto in pochi - aggiunge -. Mandorlini mi ha aiutato molto, Sarri poi mi ha completato. Con Benitez sono partito bene, poi ha cambiato modo di giocare nella seconda parte, chiedendo più lanci e seconde palle, e ho accusato qualche difficoltà".

"La Nazionale? Non condivido le scelte di Ventura, preferisco non parlarne"

Nella prima giornata il Napoli sarà di scena a Verona, squadra che ha lanciato Jorginho nel grande calcio: "È sempre emozionante tornarci - commenta l'italo brasiliano -. È una città che mi ha accolto bene e mi ha aiutato a maturare. È un peccato ci sia rivalità tra le due tifoserie". Il centrocampista chiude infine con una polemica sulla nazionale: "È un argomento che non mi piace affrontare perché quando ti rendi conto di certe cose capisci è meglio concentrarsi sul lavoro e lasciar perdere. Pentito di aver scelto la nazionale italiana? Non so, ma non condivido né capisco le scelte Ventura. In certi momenti mi pare che si voglia negare l’evidenza".

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' VISTI DI OGGI
I più visti di oggi