Caricamento in corso...
29 novembre 2016

Novara a lezione di Inglese: Chievo ok in Coppa

print-icon

Cinico e convincente. Il Chievo di Maran supera il Novara e accede agli ottavi di Coppa Italia. Show di Roberto Inglese, decisiva la differenza di categoria tra le due squadre

CHIEVO-NOVARA 3-0
Inglese 27'  e 30', Cesar 49'  

Nessuna sorpresa, solo una certezza bella grande racchiusa nel finale del Bentegodi: il Chievo vola al terzo turno di Coppa Italia dopo aver steso il Novara di Boscaglia per tre a zero in casa, davanti al proprio pubblico. Con forza, cinismo e solidità, caratteristiche da ‘grande’ di Serie A. Non riesce il ‘bis’ al Novara che nel corso di questa stagione è stato capace di sbancare e (stra)vincere sul campo di Verona - in campionato - ma del Verona sponda Hellas, la capolista di B di Fabio Pecchia. Ma in questo martedì di Coppa la squadra piemontese non ha potuto nulla, soprattutto per meriti di un avversario concentrato e determinato, con l’obiettivo del passaggio del turno bello fisso in testa. Al prossimo turno, la squadra di Rolando Maran affronterà la Fiorentina. 

Super Inglese in tre minuti - Tanto turnover negli undici titolari per entrambe le formazioni ma ritmi alti fin da subito. Un Novara in salute, forte delle ottime prestazioni ottenute nell’ultimo mese soprattutto lontano dal ‘Piola’ - vittoria sull’Hellas e pareggio al Curi contro il Perugia - si è fatto vedere più di una volta dalle parti di Seculin ma senza mai affondare il colpo: al 10’ il fantasista scuola Roma Di Mariano si è reso pericoloso con un bel tiro di controbalzo da dentro l’area ma la palla non ha impensierito il portiere del Chievo. Alla prima vera occasione da gol però i padroni di casa passano: verticalizzazione di De Guzman che pesca Inglese, l’attaccante elude Troest con una bella finta di corpo, sbilancia Romagna e scaraventa il pallone in rete alle spalle del giovane Pacini. Golazo. Dal 27’ al 30’, tre minuti e il Chievo chiude definitivamente la partita. Con? Sempre con Inglese che prima si procura un rigore - fallo di Troest - e poi lo calcia, spiazzando il portiere avversario. I ragazzi di Boscaglia non abbassano la tensione e cercano di impensierire la squadra di Maran con offensive sulla fascia destra: attivissimo Kupisz che sfiora la rete al 35’ su bell’assist di Faragò. Tra i più proporitivi del Novara anche l’attaccante Galabinov che proprio allo scadere di primo tempo sfiora il gol con un bel destro a giro che finisce a lato di poco. 

De Guzman promosso - La ripresa prende le sembianze di un’amichevole, con folate sporadiche e accelerazioni d’orgoglio, soprattutto di un Novara reattivo con il centrocampista di proprietà guarda caso del Chievo Kupisz, sempre lui, il più motivato dei suoi. Ma sarà il Chievo a far scorrere i titoli di coda già al 49’ con il gol di un difensore, Cesar, che la mette da attaccante vero: palla a scavalcare la difesa di Costa e Cesar batte freddo e tutto solo Pecini. Sul finale, tante sostituzioni e poche emozioni; molti i giovani in campo, da Jallow che al ’68 ha preso il posto di Parigini a Depaoli, capitano della Primavera. Ottima la prestazione di De Guzman, efficace e sempre presente all’interno della manovra. L’ultimo pericolo però lo porta sempre lui, il match winner di Coppa: Inglese. Che all’86’ calcia alto, sopra la traversa, da buona posizione. Nessuna sorpresa, nonostante una buona partita a livello tattico dei ragazzi di Boscaglia. Una sola certezza: agli ottavi il Chievo sfiderà la Fiorentina, per una Coppa che entra nel vivo.

Il meglio della Serie A

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky