30 novembre 2016

Bucchi: "Contro il Genoa con testa e cuore"

print-icon
Cristian Bucchi - Perugia

L'allenatore del Perugia Cristian Bucchi durante il pareggio di Ascoli (foto Lapresse)

L'allenatore del Perugia presenta in conferenza stampa la sfida contro la squadra di Juric: "Voglio delle risposte da chi gioca meno. Ce la godremo, ma ricordiamoci che domenica c'è il Verona"

Il campionato e la Coppa Italia. Che stuzzica, affascina. Alla vigilia della gara contro il Genoa per il quarto turno, l’allenatore del Perugia, Cristian Bucchi, ha presentato così la sfida di Marassi: “Sono convinto che possiamo far bene, è l’occasione per chi ha trovato poco spazio in questa prima parte di stagione. Se cullano delle ambizioni, possono darmi delle risposte. Voglio che mi dimostrino che il fatto di star fuori è una cosa che stanno soffrendo positivamente. Vorranno essere sempre più protagonisti. Sarà una squadra equilibrata, cercheremo - prosegue l’allenatore del Perugia - di dare spazio a chi ha giocato meno. Da un lato per dargli minutaggio, dall’altro affinché questa partita possa dargli le motivazioni giuste”.

Gli assenti - Un punto anche sui convocati e sugli infortunati, anche alla luce della sfida di domenica contro il Verona: “Non vengono via Zapata, che ha una brutta sinusite, ha provato ad allenarsi ma dopo dieci minuti si è dovuto fermare, Da Silva, che sta smaltendo in questa ultima settimana il suo problema fisico, e Chiosa, che ha avuto un edema muscolare da sovraccarico. Preferiamo lasciarlo qui a lavorare. Zebli - svela Bucchi - ci raggiungerà domani, non è convocato per la gara di Coppa e speriamo di recuperarlo per domenica. Da venerdì potremo avere le prime indicazioni”.

Testa e cuore - Infine, uno sguardo al prossimo avversario. Il Genoa: “Juric ha la filosofia di Gasperini, esasperano la partita con ritmi altissimi e grande agonismo. Loro cercheranno di interpretare la gara sotto questo punto di vista e non snobberanno la Coppa Italia, noi - prosegue l’allenatore del Perugia - dovremo essere bravi sul piano tecnico e rubare tempo. C’è una categoria di differenza, ci sono tante difficoltà da affrontare. In generale questa partita, nel prepararla, mi ha fatto fare un mix tra cuore e testa. La grande soddisfazione per essere arrivati a questo punto e la consapevolezza di avere davanti una squadra storica, un grande allenatore e tanti giocatori che giocano in Nazionale. Razionalmente, sappiamo - ricorda Bucchi - che domenica giocheremo una partita difficilissima, ci stiamo giocando un campionato equilibrato e questo ci riporta su un altro percorso. Dobbiamo usare entrambi gli aspetti”.

Il meglio della Serie A

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky