13 novembre 2016

Messina, Lucarelli: “Non sentiamoci bravi”

print-icon
Lucarelli, Messina

L'allenatore del Messina Cristiano Lucarelli (Lapresse)

Il pareggio con la Fidelis Andria porta a quattro i risultati utili consecutivi in campionato per il Messina, ma Cristiano Lucarelli è soddisfatto solo a metà: “Regalati i primi trenta minuti di gioco, voglio sempre vedere la grinta giusta”

La cura Cristiano Lucarelli continua ad avere effetti positivi sul Messina. L’1-1 (Cruz per l’Andria e Pozzebon su rigore per il Messina i marcatori) contro la Fidelis Andria è il quarto risultato utile consecutivo in campionato per la formazione giallorossa, protagonista di una bella gara al San Filippo. Merito però da dividere in parti uguali con la formazione allenata da Favarin. Quella andata in scena su un terreno di gioco davvero pessimo (Lucarelli ieri in conferenza stampa lo aveva preannunciato) è stata una partita giocata a viso aperto da entrambe le squadre che fino alla fine hanno cercato di conquistare i tre punti, senza però riuscirci. Un terreno di gioco ai limiti della praticabilità, che però non ha frenato Messina e Fidelis Andria protagoniste di una gara piena di emozioni che di certo non ha annoiato i tifosi presenti sugli spalti. La cura Lucarelli porta a quattro i risultati utili consecutivi in campionato (sei in totale con la Coppa Italia): dopo il successo all’esordio in panchina contro la Casertana, per la formazione giallorossa sono arrivati tre pareggi consecutivi contro Taranto, Matera e appunto Fidelis Andria. Classifica del Girone C di Lega Pro che oggi recita 13 punti, situazione ancora complicata, ma futuro che si può affrontare con spirito diverso.  

“Siamo contenti per il punto conquistato, rammaricati invece per aver regalato i primi trenta minuti. Non dobbiamo sentirci bravi, siamo ancora nella parte bassa della classifica e solo con tanta umiltà possiamo creare qualcosa di buono per superare i nostri limiti. Se vogliamo creare problemi agli altri dobbiamo essere al 101% mentalmente e fisicamente. Da questo punto di vista abbiamo compiuto un passo indietro. Serve sempre la grinta giusta. Terreno di gioco? Le uniche zone praticabili erano le fasce, per questo motivo abbiamo provato a sviluppare gioco soprattutto verso gli esterni”, le parole di Cristiano Lucarelli in conferenza stampa. Per la Fidelis Andria ha parlato invece il direttore sportivo Piero Doronzo che ha commentato così l’incontro: “È stata una bellissima partita tra due squadre che hanno giocato con coraggio nonostante un campo che faccio fatica a definire tale. Sapevamo di un Messina in buona condizione, oggi qualcosa su cui recriminare ce l’abbiamo… Penso che meritassimo qualcosa in più, ma partite come questa si rischiano anche di perdere”.  

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky