03 dicembre 2016

Lega Pro, gir. C: i risultati della 16a giornata

print-icon
Tifosi Foggia

I tifosi del Foggia (foto Lapresse)

Vince la Juve Stabia che aggancia il Lecce (sconfitto dal Matera), vola il Catania che batte in trasferta il Cosenza e mette in bilico la panchina di Roselli. Frena il Foggia, fermato dalla Reggina di Karel Zeman. Catanzaro e Taranto sempre più giù

Tutte in campo di sabato, il girone C di Lega Pro riempie il pomeriggio. In attesa del posticipo, quello tra Lecce e Matera. Forse, era la gara più attesa della sedicesima giornata e la (netta) vittoria della squadra di Auteri ha ribaltato i pronostici. Ma le sorprese non sono mancate già nel primo pomeriggio. (Quasi) tutto facile per il Siracusa che rispetta i pronostici ed in casa supera 1-0 il Catanzaro con un gol di Valente: i calabresi restano all’ultimo posto in classifica, il Siracusa sale all’undicesimo a quota 20. Tutto come pronosticato anche tra Monopoli e Taranto, con Montini che regala la vittoria per 1-0 ai padroni di casa. La squadra di Prosperi non smuove la classifica e rimane al penultimo posto, il Monopoli consolida le proprie ambizioni in zona playoff: adesso è sesto con 22 punti, a pari merito con Fidelis Andria e Virtus Francavilla. Entrambe in campo alla stessa ora. L’Andria ha vinto lo scontro diretto per la corsa playoff con il Fondi, successo in esterna per 2-1 grazie alle reti di Cianci e Valotti (nel finale) che rimontano il vantaggio iniziale di Fissore, mentre la Virtus si è arresa a dieci dalla fine al Menti contro la Juve Stabia che al 79’ sigla l’1-0 decisivo grazie ad un gol di Mastalli. Vittoria fondamentale per la squadra di Fontana che torna al successo e al primo posto in classifica, visto che i tre punti gli permettono di agganciare il Lecce a quota 32 (sconfitto nel posticipo serale contro il Matera).

Si ferma la Casertana, che perde in casa contro l’Akragas: decide un gol di Salvemini, che regala tre punti pesanti ai siciliani in chiave salvezza. Non si ferma invece il Catania di Rigoli che in trasferta supera 2-1 il Cosenza grazie ai gol di Anastasi e Mazzarani che rispondono al vantaggio di Baclet per i calabresi. Con i tre punti di oggi, il Catania mette in bilico la posizione di Roselli sulla panchina rossoblù (rischia l’esonero, il candidato per sostituirlo è Erra presente in tribuna oggi) e sale al nono posto a quota 21: insegue i playoff e, senza il -7 di penalizzazione, sarebbe addirittura al terzo posto dietro soltanto alle primissime del campionato. Nel primo posticipo, quello delle 18.30, frena ancora il Foggia di Stroppa. Finisce 1-1 al Granillo con i rossoneri che si complicano la vita da soli: vantaggio di Sicurezza al 18’, pareggio della Reggina al 46’ con l’autogol di Angelo. Un punto che rallenta ancora il Foggia: i punti in classifica sono 31, Juve Stabia e Lecce precedono a quota 32. Per fortuna di Stroppa la squadra di Padalino doveva ancora giocare: al Via del Mare ha vinto il Matera. E adesso sono di nuovo tutte lassù, ravvicinate. Con la Juve Stabia che, vincesse il recupero del 13 dicembre contro la squadra di Auteri, tornerebbe prima da sola. 

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky