17 dicembre 2016

L'Andria attacca, il Lecce resiste: 0-0 nel derby

print-icon
Pasquale Padalino - Lecce

L'allenatore del Lecce, Pasquale Padalino (foto Lapresse)

I padroni di casa mettono in difficoltà la capolista e sfiorano più volte il gol del vantaggio, ma la squadra di Padalino resiste e prende un punto nel derby. Il primo posto è salvo, ma Matera e Juve Stabia possono tentare l'aggancio in classifica

ANDRIA-LECCE 0-0

Finisce 0-0 il derby pugliese tra Andria e Lecce nella diciannovesima giornata del girone C di Lega Pro. La squadra di Padalino soffre, quella di Favarin meriterebbe forse i tre punti. Ma alla fine è soltanto parità, che consente al Lecce di mantenere il primo posto. Ma con la paura dell'aggancio di Matera e Juve Stabia. 

Equilibrio, ma niente noia - Il Lecce per difendere il primo posto e costringere le inseguitrici a vincere per tenere il passo, l’Andria per fare lo sgambetto ai giallorossi. Questo e tanto altro era il derby pugliese che apriva la diciannovesima giornata del girone C di Lega Pro. Torromino e Doumbia in panchina, Lepore e Pacilli al fianco di Caturano in attacco: queste le scelte di Pasquale Padalino. Volpicelli con Cruz, invece, nell’Andria di Favarin. E la prima occasione della gara è proprio per l’attaccante brasiliano dei padroni di casa: sei minuti e Cruz si ritrova a tu per tu con Gomis, chance sprecata e punteggio che resta in parità. Il Lecce però fa la partita, crea e costruisce: sfiora il vantaggio al 15’ con un tiro di Caturano, ci riprova alla mezz’ora con un rasoterra di Contessa che finisce sul fondo. Poi doppia occasione per l’Andria in due minuti: al 35’ un gran sinistro di Curcio che colpisce l’esterno della rete, al 37’ il colpo di testa di Aya che Gomis blocca in sicurezza. La Fidelis chiama, il Lecce risponde: doppia chance per Pacilli prima e Lepore poi, ma la squadra di Favarin si salva. E al 45’ è 0-0 nel derby pugliese.

L’Andria attacca, il Lecce resiste: finisce 0-0 - Un’occasione per l’Andria apre la ripresa, ancora Cruz come nel primo tempo. Al 53’ ecco il primo squillo del Lecce nel secondo tempo: tiro di Mancosu da fuori area, ma pallone che finisce altissimo sopra la porta di Poluzzi. Partita aperta ed equilibrata, un’altra occasione a testa tra il 58’ ed il 61’: prima Rada per l’Andria, poi Lepore per il Lecce. Ma nulla di fare, il punteggio non si sblocca. Decisamente meglio adesso i padroni di casa che spingono e mettono in difficoltà la squadra di Padalino: al 70’ occasionissima per Onescu, al 72’ addirittura il palo colpito da Aya dopo una deviazione miracolosa di Gomis. Il Lecce cala, l’Andria ci crede eccome adesso. E all’88’ la Fidelis sfiora di nuovo il vantaggio con una bell’azione del tandem Cruz-Volpicelli. L’ultima della partita, perché il gol non arriva e finisce 0-0. Un punto a testa, e adesso il Lecce rischia l’aggancio di Matera e Juve Stabia in classifica.

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky