17 marzo 2017

Siena, Scazzola: "Servirà la partita perfetta"

print-icon
Cristiano Scazzola - Robur Siena

Cristiano Scazzola, allenatore della Robur Siena (robursiena.it)

I bianconeri, a caccia della continuità, dovranno vedersela con l'Alessandria capolista: "Gara proibitiva, ma ci servono punti ed entusiasmo", ha detto Scazzola in conferenza

Dopo la buona vittoria di due giornate fa nel derby con il Livorno, la Robur Siena è incappata nell’ultimo weekend in una nuova sconfitta. Il 3-0 subito a Piacenza è di quelli che fanno rumore: ora la zona playoff è distante sei punti, così come quella playout. Il prossimo impegno per i bianconeri sarà con la capolista Alessandria: “Domani ci aspetta una partita proibitiva – ha detto Scazzola, allenatore dei toscani ed ex giocatore proprio dell’Alessandria – ma ci servono punti ed entusiasmo, serve la partita perfetta. Ci arriviamo con un organico ancora ridotto, rientra Iapichino ma mancano tre giocatori importanti che non rientreranno nel breve periodo. Bisognerà avere anche un po’ di fortuna, da quando sono arrivato non ho mai potuto schierare la stessa formazione. Questi non devono essere alibi ma sono situazioni penalizzanti.

Indisponibili - “Terigi? C’è da pensarci bene, è rientrato questa settimana ma ha fatto 9 partite in due anni”, ha continuato Scazzola. “Assieme a Freddi comporrebbe una difesa di lusso per la categoria. L’Alessandria è una grande squadra, ma abbiamo delle possibilità anche noi. Ha un’organico anche superiore alla SPAL dello scorso anno ed è stat costruita nel tempo, con investimenti da categoria superiore”.

Terigi e Guerri - I due giocatori della Robur hanno parlato in settimana: “Abbiamo dimostrato di avere il giusto atteggiamento contro le grandi”, ha detto il difensore. “L’Alessandria viene da due anni in cui non è riuscita ad ottenere la promozione; in questo campionato stanno andando benissimo e verranno a Siena agguerriti, ma non ci deve interessare, dobbiamo pensare a noi stessi e basta”. E Guerri, parlando dell’ultima sconfitta: “Avevamo preparato la partita per aspettare l’avversario per ripartire in contropiede. Trovandoci all’improvviso sotto di due gol abbiamo fatto fatica a cambiare atteggiamento. Siamo molto amareggiati, in primis per i tifosi perché ci seguono sempre, ci incitano ma non riusciamo mai a dare loro le gioie che si meritano. Volevamo fare risultato per dare continuità, invece dobbiamo riazzerare tutto e purtroppo non è la prima volta che succede”.

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky