26 marzo 2017

Lega Pro, gir. C: i risultati della 31a giornata

print-icon
catania_foggia_gol

L'autogol di Gil ha deciso Catania-Foggia (foto www.foggiacalcio1920.it)

Vittorie per Lecce e Foggia (che prolunga così il momento nero del Catania), ok anche Vibonese e Matera contro Andria e Messina. Pareggio senza gol tra Melfi e Akragas, 1-1 tra Casertana-Cosenza, Siracusa-Reggina e Monopoli-Virtus Francavilla. La Juve Stabia strappa un punto in extremis

Bene Foggia e Lecce - Nella 31ª giornata di Lega Pro il Foggia di Stroppa si conferma sempre più primo, i rossoneri riescono a vincere al Massimino contro un Catania alla fine sconfitto 1-0. Primo tempo non molto brillante, tanti gli errori di entrambe le formazioni con gli ospiti che vanno però più vicini alla rete del vantaggio nell'unica palla gol dei primi 45 minuti. La ripresa inizia proprio con il vantaggio del Foggia grazie all’autorete di Gil che da calcio di punizione - in mischia - batte il suo stesso portiere; le due formazioni continuano ad essere imprecise fino al termine del match, il Catania prova rendersi pericoloso anche e soprattutto nei minuti finali ma non riesce comunque a trovare il pareggio. Quarta sconfitta di fila per i rossoazzurri che rimangono così dodicesimi a quota 39 punti. Sale invece a 68 la capolista. Subito dietro vittoria anche per il Lecce secondo a 64; sconfitto il Fondi grazie alle due reti pochi minuti dopo il fischio d'inizio segnate da Malmone e Torromino. Nonostante il doppio svantaggio la squadra ospite reagisce e dà così vita a un primo tempo divertente. I secondi 45 minuti, poi, non registrano particolari occasioni o episodi. Vittoria per il Lecce che chiude la pratica nel primo tempo, l’Unicusano Fondi invece rimane a quota 40 punti in classifica.

Vibonese ok - Nelle altre partite delle 14:30 vittoria anche per la Vibonese sull'Andria: i calabresi trovano tre punti fondamentali grazie al gol all’87' di Viola, mentre nella prima frazione di gioco erano state davvero poche le occasioni create in un match sostanzialmente equilibrato. Nella ripresa poi il centrocampista riesce a segnare il gol del vantaggio prima che la sua squadra rimanga in nove (con l'espulsione di Moi e Silvestri). In ogni caso, la formazione di Farina non riesce a pareggiare e il finale emozionante permette poi alla squadra di Campilongo di salire a quota 26 punti. Rimane a 41 la Fidelis Andria che nel prossimo turno incontrerà il Messina. Finisce invece 1-1 il match tra Siracusa e Reggina: la squadra di Zeman trova in vantaggio grazie a Cane al 39’ del primo tempo, pochi minuti dopo i siciliani pareggiano con Longoni e nella ripresa - a parte l'espulsione di Turati, che lascia così in 10 la squadra di casa - non succede molto. I calabresi hanno il merito di riuscire a gestire il risultato e possono così salire a 29 punti; i ragazzi di Sottil invece raggiungono quota 48 a una settimana dal derby contro l'Akragas.

Pareggio all’ultimo respiro per la Juve Stabia - Stesso risultato anche tra Casertana e Cosenza, ad aprire le marcature è De Marco per la formazione di Tedesco al 35’. Il vantaggio firmato da una bellissima rete dura fino al 75’, quando Mendicino pareggia. Si chiude così 1-1 una gara sostanzialmente equilibrata che regala un punto a testa a due formazioni che rimangono così entrambe a quota 44. Altro pareggio (ma questa volta senza reti) quello tra Melfi e Akragas, con i lucani che meriterebbero qualcosa in più. Il primo tempo vede il Melfi più propositivo e più vicino al gol pochi minuti dopo il fischio d’inizio; i siciliani, poi, hanno una buona occasione del finale ma il risultato non si sblocca. Nessun gol nemmeno nella ripresa, sono ora 31 i punti dell’Akragas che rimane a +2 sulla zona playout; il Melfi invece rimane penultimo con i suoi 27 punti. Riesce a strappare un punto grazie a un gol nel finale di Kanoute la Juve Stabia contro il Catanzaro: i gialloblù sbloccano la partita per primi all’8’ grazie a Paponi ma subiscono subito il pareggio di Sarao e passano poi in svantaggio al 42’, quando segna Prestia. A pochi secondi dal fischio finale i gialloblù pareggiano su rigore: bravo l'attaccante di Carboni a restare freddo nonostante le tante proteste. In un finale acceso in cui viene anche espulso Liviero il risultato non cambia più: un punto a testa con il Catanzaro che sale a 32 e i campani a 53.

Matera esagerato - Ultimo pareggio di giornata quello tra Monopoli e Virtus Francavilla, la squadra ospite sbaglia un rigore nel primo tempo e manca anche l'appuntamento con la rete poco dopo; tutto si decide nella ripresa e a passare in vantaggio è la squadra di casa: i pugliesi segnano con Montini e potrebbero poi anche raddoppiare ma al 65’ subiscono il pareggio di Albertini sugli sviluppi di un cross del nuovo entrato Pastore. Finisce così 1-1, 32 i punti in classifica del Monopoli, Virtus che sale invece a 49 in attesa di affrontare il Taranto nel prossimo turno. Larga vittoria della Matera sul Messina, i ragazzi di Auteri vincono 5-1 contro quelli di Lucarelli, a segno Mattera, Lanini, Salandria, Casoli e Sartore. Inutile il gol di Gladestony. Match mai in discussione, Messina che rimane così fermo a quota 34 punti mentre il Matera resta terzo a 55. Concluderà la 31a giornata la gara tra Taranto e Paganese - in programma il prossimo 19 aprile dopo il rinvio causato dagli avvenimenti dei giorni scorsi.

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky