Coronavirus, il messaggio di Messi: "Vicino a chi soffre. Restiamo a casa, è importante"

coronavirus

L'argentino ha voluto mandare un messaggio attraverso i propri canali social nei giorni dell'emergenza coronavirus in Europa: "Voglio dare grande forza a chi sta vivendo il peggio. È necessario seguire le istruzioni dettate dalle organizzazioni sanitarie. È il momento di essere responsabili e di rimanere a casa"

CORONAVIRUS: AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Il coronavirus ha fermato tutti i maggiori campionati di calcio europei, compresa la Liga. Anche il Barcellona di Leo Messi è fermo e la Pulce ha voluto mandare un messaggio a chi sta soffrendo in questi difficili momenti, invitando tutti a rispettare le direttive e a non uscire di casa. Lo ha fatto con un post su Instagram, accompagnato da una foto che lo vede - e non è un caso - in compagnia dei figli, due in primo piano e il terzo sullo sfondo: "Sono giorni complicati per tutti - le sue parole - viviamo preoccupati per ciò che sta accadendo e vogliamo renderci utili mettendoci al fianco di coloro che stanno vivendo il peggio: o perché tutto questo ha colpito direttamente loro o la loro famiglia e i loro amici, oppure perché stanno lavorando in prima linea per combatterlo negli ospedali e nei centri sanitari. Voglio dare molta forza a tutti loro. La salute deve sempre venire prima".

L'appello di Messi: "Restiamo a casa"

Poi un appello in chiusura per tutti i suoi follower. "È un momento eccezionale ed è necessario seguire le istruzioni delle organizzazioni sanitarie e delle autorità pubbliche. Solo in questo modo possiamo combatterlo efficacemente. È il momento di essere responsabili e di rimanere a casa. È anche l'occasione perfetta per godersi con i figli quel tempo di cui non puoi sempre godere. Un abbraccio e speriamo di poter cambiare questa situazione il prima possibile", conclude Messi, che ha voluto ribadire un concetto molto importante con un semplice hashtag: #QuedateEnCasa, ovvero "Stai a casa". 

Spagna in emergenza

In Spagna il numero di contagi per coronavirus si attesta a 5.700 casi mentre le persone decedute sono 136. È il secondo paese europeo per contagi e sta seguendo la stessa traiettoria, nella diffusione numerica del contagio, dell’Italia, con un ritardo di qualche giorno. Motivo per cui il governo di Madrid ha ordinato a tutti gli spagnoli di rimanere a casa. La decisione è giunta durante una riunione straordinaria del Consiglio dei ministri in cui è stato proclamato lo stato di emergenza. Gli spagnoli potranno uscire di casa solo per acquistare prodotti alimentari, farmaci o beni di prima necessità. Si può uscire per andare a lavoro, assistere anziani o persone vulnerabili o per cause di forza maggiore. Sarà possibile tornare nel luogo di residenza abituale.

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche