Caricamento in corso...
05 settembre 2017

Argentina, Maradona contro Icardi: "In Nazionale grazie a Zanetti"

print-icon
Maradona, ph. getty

Maradona, ph. getty

Diego Armando Maradona non le ha mandate a dire al ct dell’Argentina Jorge Sampaoli, criticando aspramente la scelta di non convocare Higuain per le partite di qualificazione ai Mondiali di Russia 2018. Parole dure anche verso Icardi: "E’ arrivato in Nazionale perchè Javier Zanetti gli fa da rappresentante"

Tra Diego Armando Maradona e Mauro Icardi continua a non scorrere buon sangue. Il Pibe de oro non perde occasione per criticare l’attaccante dell’Inter, accusandolo di non essere all’altezza di vestire la maglia dell'Argentina. A scatenare le ire del 'diez' sono state questa volta le scelte di Sampaoli, colpevole secondo Maradona di aver lasciato a casa Higuain per convocare Icardi, sponsorizzato da Javier Zanetti.

L’attacco a Sampaoli

Scelte che non hanno convinto per nulla Maradona quelle di Sampaoli che, intervenuto a DirecTV Sports, non le ha mandate a dire al ct: "Quando vedo la formazione dell'Argentina ho paura, se vogliono paragonare Icardi e Batistuta si sbagliano di grosso. Non aver convocato Higuain è una mancanza di rispetto, Sampaoli ha perso la testa. Higuain può aver sbagliato gol che avrebbero cambiato il corso di tutti i mali della Seleccion, ma non gli si può preferire un altro che non si conosce quando il Pipa è conosciuto da tutti. Icardi è arrivato in Nazionale perchè Javier Zanetti gli fa da rappresentante. Una volta parlai con l'ex ct Bauza e mi confidò che trovò tre chiamate di Wanda Nara. 'Come ha avuto il mio numero di telefono?', mi chiese".

La sfida al Venezuela

L’Argentina non ha alternative nel match contro il Venezuela, gli uomini di Sampaoli infatti hanno l’obbligo di vincere per abbandonare il quinto posto in classifica dietro Brasile (già qualificato), Colombia, Uruguay e Cile. La sfida del Monumental è quasi un dentro o fuori per Messi e compagni che hanno bisogno dei tre punti per continuare la rincorsa ai Mondiali del 2018.

I PIU' VISTI DI OGGI