29 agosto 2017

Spagna-Italia, Ventura pensa al 3-4-3 per esaltare Insigne

print-icon

L'Italia è pronta alla sfida alle Furie Rosse che vale il primato del girone G delle qualificazioni al mondiale di Russia 2018. Il Commissario tecnico pensa a un modulo che potrebbe esaltare l'esterno d'attacco del Napoli, sempre più punto fermo anche in azzurro

"L'eccitazione è il sintomo d'amore". Battisti a parte, un Ct eccitato, lo dice lui, per la sfida con la Spagna, è sintomo di impresa! Perché l’Italia non batte la Spagna, là , da 70 anni; perché là, a Madrid, non ci sono alternative. Perché ci si gioca il primo posto nel girone G (entrambe al comando con 16 punti ma Spagna a +4 per differenza reti) che equivale alla qualificazione diretta al mondiale! Per vincere Ventura sta pensando a vestire la sua Italia con la difesa a tre, come quella a quattro nel Dna di questo gruppo. Quella difesa a tre che ha già usato sei volte su dieci da quando è Ct, principio di uno schieramento che non può non fare i conti con l’azzurro più in forma del momento: Lorenzo Insigne.

 

Ventura: "Insigne altera gli equilibri"

Una vera e propria investitura! A marzo, dopo l’amichevole contro l’Uruguay, lo aveva sottolineato: "Insigne è indispensabile per la mia Nazionale". A Udine 3 mesi dopo, contro il Liechtenstein, Lorenzo lo aveva ripagato con il primo gol della sua gestione: da esterno di un attacco a 4 però! Ne era seguito il rinnovo del contratto con il Napoli, la promessa di amore vero. Insomma l’eta della maturità. In questo inizio di stagione, un gol e tre assist, e giocate da urlo. Lorenzo è pronto più di molti altri qui a Coverciano, anche per merito dei preliminari di Champions con il suo Napoli. Oro di Napoli e ora "oro" d'Italia: sempre azzurro è. Per questo il Ct ora potrebbe virare su un 3-4-3 che dia spazio al suo genio. Con Insigne là davanti, Candreva e uno fra Belotti ed Immobile. E' più di un’ipotesi di lavoro come quella di un Verratti trequartista alle spalle di due punte, già vista a marzo nell'amichevole con l’Olanda. Allora Insigne restò fuori, oggi non è più possibile. 

 

I PIU' VISTI DI OGGI