Emiliano Sala, cosa sappiamo dell’aereo scomparso fino ad ora: ultime news

Premier League

Sono ufficialmente terminate, purtroppo senza esito positivo, le ricerche del giocatore del Cardiff Emiliano Sala, scomparso nella serata di lunedì mentre stava sorvolando la Manica con un aereo privato per raggiungere la sua città gallese. Lo comunica la polizia di Guernesey con un tweet: "Non siamo riusciti a trovare alcuna traccia, le ricerche attive purtroppo finiscono qui"

SALA, RITROVATI RESTI DI UN AEREO SULLE COSTE FRANCESI

PRESIDENTE CARDIFF: "HA RIFIUTATO IL NOSTRO VOLO"

LA STORIA DI EMILIANO SALA: DALLA FRANCIA AL SOGNO PREMIER

Sono terminate, purtroppo senza esito positivo, le ricerche dell'aereo scomparso sul quale viaggiavano Emiliano Sala, neo giocatore del Cardiff, e il pilota Dave Ibbotson. Dopo che nella giornata di ieri non era ancora stata trovata alcuna traccia del Piper scomparso dai radar durante il suo tragitto sopra la Manica, questa mattina la polizia di Guernsey, isola nei pressi della quale si suppone sia caduto il veivolo, ha fatto sapere con un tweet sul proprio profilo ufficiale di aver ripreso le ricerche, ma dopo tre ore ha annunciato di non essere riuscita a trovare nulla. In seguito, nel pomeriggio, l'ultimo laconico tweet seguito da un lungo comunicato: "A meno di significative novità, non ci sarà più alcun aggiornamento"

Cosa sappiamo sull'accaduto?

  • Un aereo Piper è scomparso dai radar nella serata di lunedì con a bordo il nuovo giocatore del Cardiff Emiliano Sala e il pilota.
  • L'aereo era partito da Nantes e sarebbe dovuto arrivare a Cardiff
  • Nessun detrito riconducibile al velivolo è stato trovato nella zona battuta dalle ricerche
  • Sala ha inviato un messaggio a un amico: "Questo aereo sembra andare in pezzi, ho paura!"
  • Non era presente il secondo pilota Dave Henderson già sentito dalla Polizia sulla mancata presenza a bordo del velivolo
  • Nella ricerca sono stati utilizzati aerei da ricerca, scialuppe e piccole navi.
  • Sondati anche i dati telefonici per risalire, eventualmente, al luogo in cui potrebbe essere ammarato l'aereo
  • Setacciata a piedi l'Isola di Burhou, nessuna traccia di aereo e passeggeri

Il giallo del secondo pilota e i messaggi Facebook sull'aterraggio

Secondo quanto riportato dal quotidiano francese Ouest France, ci sarebbero dovute esserre tre persone a bordo dell'aereo, vale a dire il pilota David Ibbotson, l'altro pilota Dave Henderson e Emiliano Sala, ma poi in definitiva solo in due sono partiti. Mistero infittito dal dialogo tra i due piloti su Facebook risalente a qualche giorno prima della partenza: "Sono un po' arrugginito con l'atterraggio", il messaggio mandato da Ibbotson a Henderson.

Le ipotesi della Polizia di Guernsey

Attraverso un Tweet la polizia di Guernsey ha fatto sapere le ipotesi sulle quali stanno lavorando i ricercatori:

  • Sono atterrati da qualche parte e non riescono a contattare nessuno
  • Hanno fatto un ammaraggio, sono stati soccorsi da qualche nave ma non riescono a mettersi in contatto
  • Hanno effettuato un ammaraggio e sono nella scialuppa gonfiabile che sappiamo fosse a bordo
  • L'aereo si è distrutto al contatto con l'acqua e loro sono finiti in mare

Il presidente del Cardiff: "Sala ha rifiutato il nostro volo"

A tornare sulla vicenda della scomparsa dell'aereo sul quale viaggiava l'attaccante argentino interviene anche il numero 1 del Cardiff City, il club che aveva appena acquistato il giocatore dal Nantes, che svela come Sala abbia deciso di prendere un aereo privato per conto proprio per abbreviare i tempi del viaggio: "Come succede per ogni acquisto anche per Sala avevamo organizzato il viaggio di trasferimento, che noi prenotiamo sempre con voli commerciali di linea. Purtroppo, però, per raggiungere Cardiff da Nantes con un volo normale avrebbe significato prima prendere un treno da Nantes a Parigi, poi volare su Londra e quindi arrivare a Cardiff in macchina. Lo abbiamo comunicato al giocatore che a quel punto ha preferito organizzarsi con un volo privato che lo portasse da Nantes a Cardiff in maniera molto più rapida. Una vera tragedia, per noi sono giorni veramente difficili per noi: continuiamo a pregare per lui"

I più letti