10 ottobre 2016

Montolivo: una carezza a chi mi augura la morte

print-icon
03_

Il centrocampista di Milan e Nazionale si rivolge così via social a chi lo ha fischiato e insultato e anche a chi, giovedì scorso allo Juventus Stadium durante Italia-Spagna, ha infierito mentre lasciava il campo in barella

Un "grazie di cuore" a chi si è mostrato solidale dopo l'infortunio, e "una carezza a tutti quelli che mi hanno augurato la rottura di tibia e perone, la rottura di tutti i legamenti e la morte?". Riccardo Montolivo - dalla sua pagina di Facebook e su Twitter - si rivolge così a chi lo ha fischiato e insultato, a San Siro più o meno ad ogni partita del Milan, e anche a chi giovedì scorso allo Juventus Stadium, durante Italia-Spagna, ha infierito mentre - infortunato - lasciava il campo in barella.

Montolivo è stato costretto all'intervento chirurgico per la lesione del legamento crociato di un ginocchio. Oggi arriva il suo sfogo amaro. "Grazie di cuore a tutte le persone che hanno speso un pensiero per me... tifosi, colleghi, addetti ai lavori. E' stato bello, in un momento così faticoso, ricevere così tanti attestati di stima e affetto - scrive il centrocampista del Milan, che fra oggi e domani dovrebbe lasciare l'ospedale -. E una carezza a tutti quelli che mi hanno augurato la rottura di tibia e perone, la rottura di tutti i legamenti e la morte... con l'augurio che la vita riesca a farvi crescere in educazione e rispetto dell'essere umano".