17 dicembre 2016

Inzaghi: "Mercato? Ci penseremo dopo l'Inter"

print-icon
simone_inzaghi_lazio_getty

Simone Inzaghi, allenatore della Lazio (Getty)

Mercato, calendario, formazione e idee tattiche. Di questo e non solo ha parlato l'allenatore biancoceleste alla vigilia della gara contro la Fiorentina: "I viola giocano bene a calcio, bisogna affrontare il match nel migliore dei modi provando a togliergli il palleggio"

Una sfida per l’Europa, per confermarsi e per provare a crescere ancora e a salire sempre più su. La Lazio si prepara ad affrontare la Fiorentina, domani sera allo stadio Olimpico avrà in scena la penultima gara della stagione biancoceleste e gli uomini di indaghi vogliono confermare la vittoria ottenuta una settimana fa contro la Sampdoria. Così l’allenatore della Lazio ha presentato la sfida contro i viola di Paulo Sousa, nella conferenza stampa della vigilia: "Sarà una partita difficile - ha detto - dovremo provare ad affrontare i viola nel migliore dei modi. I ragazzi sono stati bravi dopo il derby, abbiamo analizzato gli errori pensando subito alla gara di Genova contro la Samp - e lì abbiamo disputato un'ottima gara, abbiamo fatto bene dall'inizio alla fine. Abbiamo preso un gol alla fine, ma la nostra prestazione è stata ottima".

Calendario e mercato - "Il calendario ci mette in campo contro Fiorentina e poi inter, abbiamo fatto delle valutazioni e lo stesso faremo dopo la sfida di domani. Dell'Inter non abbiamo ancora parlato, adesso abbiamo una gara importantissima e non abbiamo mai fatto tabelle, noi scendiamo sempre in campo per vincere. Sappiamo che sfidiamo due squadre importanti, che hanno perso qualche punto per strada, ma dovremo cercare di essere bravi a interpretare le gare nel migliore dei modi. Mercato? Mancano quattro giorni alla fine delle gare poi vedremo il da farsi con la società. Ne parleremo, ma non è il momento, dobbiamo chiudere bene il girone d'andata, poi vedremo".

La formazione
- "Bastos mi aveva impressionato prima dell’infortunio perché aveva fatto molto bene, ma le formazioni le decido in base agli allenamenti ha aggiunto - ora è tornato, come è giusto che sia è stato in panchina perchè Wallace ha meritato fiducia. Comunque domani può tornare e posso adattarlo a più ruoli. Oggi proveremo. Contro le big non possiamo permetterci errori, mentre contro le piccole si può essere perdonati. Abbiamo perso tre gare, commettendo sbagli individuali. E' chiaro che, se capita contro le grandi, poi diventa difficile recuperare. Marchetti? Sta bene e sarà in porta. Negli ultimi due giorni s'è allenato regolarmente".

L’avversario -
"I viola giocano bene a calcio e sono allenati da un ottimo allenatore. Bisogna affrontare il match nel migliore dei modi provando a togliergli il palleggio. Abbiamo avuto giorni a sufficienza per preparare questa gara, vogliamo fare un'ottima partita di fronte i nostri tifosi. Europa? Volevamo creare entusiasmo intorno a noi, dopo sedici gare siamo nel gruppo che conta e vogliamo restarci. Io ho giocato dei derby, perdendo anche e so cosa poteva significare quella sconfitta. I ragazzi sono stati bravi a mettersi alle spalle il ko contro la Roma. Nel calcio può succedere di perdere una gara importante, con la Samp abbiamo fatto bene e i ragazzi hanno l'obbligo di fare bene".

Scelte tattiche - "Schierando Bastos ho due opzioni - ha detto poi Inzaghi - posso giocare a 3 o come farò oggi con Bastos terzino e Lulic terzino sinistro. Ho un altro allenamento domani mattina. Felipe Anderson è pronto per fare tutto, potrebbe interpretare qualsiasi ruolo; a volte s'è abbassato anche a fare il terzino destro. La speranza è che sia quello di Genova, che quest'anno ha fatto la differenza e fatto vincere tante gare. Immobile si sbloccherà, da ex attaccante non sono preoccupato. Una punta deve preoccuparsi quando non riesce a tirare e creare occasioni, a Palermo ha colpito una traversa e sta facendo bene, poi a Torino stava facendo una gara normale e ha fatto una rovesciata alla prima palla toccata. Lui ha la fiducia di tutti, mi auguro che possa giocare come a Genova e Palermo".

Biglia top player - Infine, sulla partita di stasera tra Juventus e Roma: "Saremo in ritiro ma la guarderemo con attenzione perchè la classifica dice che si sfidano le due migliori squadre della Serie A. Sarà un grandissimo spot per il calcio italiano. Vorremmo raggiungere le due squadre, è normale ma noi dobbiamo ancora crescere, quindi bisogna guardare avanti e non indietro. Biglia? E' un calciatore molto criticato, ma non è mai stato al 100% quest'anno. Ora vive un ottimo momento, a Palermo e Genova è stato un top player. Poi ha preso quella botta sulla tibia altrimenti non l'avrei mai tolto. Nel derby era stato il migliore, fino all'ammonizione del derby e nelle ultime due trasferte ha offerto grandi gare".

CALCIOMERCATO - tutti i video

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky