Palermo verso Empoli: Aleesami di nuovo in gruppo

Serie A
Eugenio_corini_Palermo_Getty

Ultime sedute a Boccadifalco per il Palermo, prima della partenza per Empoli. Sabato alle 18 la prima partita del 2017, fondamentale per la salvezza. Aleesami e Trajkovski sono tornati a lavorare in gruppo

Una sconfitta, una vittoria e un pareggio. Il bottino di Eugenio Corini da nuovo allenatore del Palermo è, dopo tre partite, abbastanza positivo. Sabato in campo per dare continuità, nella prima gara del 2017. L'appuntamento è di quelli importanti, decisivi: a Empoli si giocherà una vera e propria sfida salvezza. I toscani di Martusciello, infatti, sono attualmente sedicesimi in classifica, a soli quattro punti di distacco dai rosanero. “E’ uno scontro diretto molto importante, sappiamo che l’Empoli è un’ottima squadra ma andremo con l’atteggiamento giusto e con la voglia di portare a casa un risultato positivo”, ha detto sulla sfida Corini nei giorni scorsi.

Boccadifalco - Nella giornata di giovedì ci sarà la conferenza stampa dell’allenatore rosanero, mentre è in corso al “Tenente Onorato” di Boccadifalco la preparazione in vista della prima di Serie A del nuovo anno. “Dopo i consueti lavori in palestra - si legge sul sito ufficiale del club - lavori tecnico-tattici in campo. La seduta è stata conclusa da una partita in porzione ridotta del campo. Haitam Aleesami ed Aleksandar Trajkovski (fino a mercoledì in differenziato, ndr) hanno lavorato regolarmente con i compagni. Roland Sallai, in seguito ad un trauma contusivo lombare subito ieri in allenamento, ha svolto un allenamento differenziato e si è sottoposto alle cure dei fisioterapisti. Stesso programma per Sinisa Andelkovic. Fisioterapia, infine, per Slobodan Rajkovic”.

La carica di Nestorovski - Il primo a parlare nel 2017 è stato il macedone Ilija Nestorovski. L’attaccante del Palermo è uno dei migliori giocatori del girone d’andata, nonostante sia appena alla prima esperienza in Serie A: “ Il mio obiettivo per il 2017 è cercare di giocare più gare possibili e provare a segnare più gol possibili per salvare la squadra”, ha detto in esclusiva a Sky Sport. “Ringrazio tutti coloro che pensano che io sia un simbolo del Palermo, ma non voglio nemmeno che si esageri perchè il calcio è uno sport di gruppo e non uno individuale. A Genova, per esempio, abbiamo fatto quattro gol e io nemmeno uno. Voglio che si sappia questo: vince il gruppo. Perchè se io segno e perdiamo, sto male. Futuro? Mi vedo qui a Palermo, magari a lottare per obiettivi diversi. Il mio sogno è diventare il capocannoniere della Serie A, nessuno mi toglierà mai questo desiderio”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche