Spalletti: "Vittoria meritata, ma poca maturità"

Serie A
Luciano_spalletti_roma_getty

L'allenatore giallorosso soddisfatto dopo la seconda vittoria in trasferta consecutiva: "Miglioriamo in solidità, anche se c'è da sistemare ancora qualcosa". Strootman carico: "La squadra è in gran forma"

Due 1-0 in due trasferte consecutive: che la Roma è cresciuta lo si percepisce anche da questi risultati. Spalletti lo ha definito “occhio a mezz’asta, di quelli giusti”, come fosse in un film. Quello sguardo profondo prima delle partite che può aiutare a vincere; Strootman ha invece parlato di “squadra ora solida”, in linea con il pensiero del suo allenatore. La Roma c’è, dunque. È unita e punta in alto. Il secondo posto in solitudine garantisce tranquillità e ambizione di primo posto, anche se la Juve è ancora lontana un punto (e ha due partite in meno). Dopo la partita di Udine comunque Luciano Spalletti sorride, soddisfatto di atteggiamento e prestazione dei suoi ragazzi.

Sulla gara - “Anche oggi abbiamo fatto la nostra parte”, ha detto l’allenatore toscano a Sky Sport. “Siamo stati tosti e siamo entrati nel modo giusto. Volevamo portare a casa il risultato, ma è necessario chiudere le partite prima. È normale che poi in qualche occasione si soffra. Nel secondo tempo potevamo anche gestire meglio la gara”.

Dzeko bacchettato - Rigore sbagliato e diverse chance specate dal bosniaco: "Edin ogni tanto è un giocatore molle e io glielo dico. Se gli capitano quattro palle gol, deve buttarne dentro cinque. Se ne butta dentro solo due, significa che pecca di cattiveria".

Solidità - “Se siamo diventati come la Juve? È quello che ho detto, sotto l’aspetto della mentalità abbiamo fatto passi avanti importanti mantenendo anche buona qualità per creare occasioni. A essere pignoli c’è stato solo quel momento nel secondo tempo in cui si doveva evitare di prendere ripartenze pericolose: sono situazioni scomode che puoi pagare. Due punti persi sarebbero stati pesantissimi, ma siamo felici di aver vinto”.

Cosa manca - “Per diventare una squadra veramente quadrata, che è stato il tema del girone d’andata, è necessario avere personalità e carattere, per riuscire a gestire, comandare e soffrire. Ora qualcosa si è messo a posto, il gruppo sta facendo bene, tranne il qualche occasione in cui ancora buttiamo via dei palloni inutilmente. La fase difensiva anche oggi ha lavorato bene e ha saputo assorbire le offensive dell’Udinese”.

Mercato - “Feghouli è complicato, ormai si sa. Per ora so che stanno lavorando, ma riusciamo per a sopperire a quello che può essere il numero di calciatori in un certo reparto. Il problema sarà a febbraio, ci saranno 11 partite in 40 giorni. Se non avremo un numero esatto di giocatori non se ne uscirà facilmente. Abbiamo comunque anche giovani forti e situazioni interessanti da poter sviluppare”.

Le parole di Strootman - “Roma solida? Sì lo è, sono contento perchè i tre punti sono l’unica cosa che contava. Possiamo certo attaccare sempre, ma importante avere stabilità difensiva. La squadra è in grande forma, siamo solidi e questo è importante soprattutto in trasferta. In casa si gioca bene per i tifosi, fuori si deve vincere. Per noi è fondamentale non prendere gol, dobbiamo certo migliorare ancora in tante cose, tipo chiudere le partite prima. Ma per ora va bene così, anche con solo un 1-0”, ha concluso il centrocampista olandese.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche