Inter, Pioli: "Ora vogliamo superare l'Atalanta"

Serie A
Stefano Pioli, allenatore dell'Inter

L'allenatore nerazzurro soddisfatto della reazione dei suoi a una settimana dal ko con la Roma: "Era importante rialzarsi immediatamente", ha detto dopo il 5-1 di Cagliari. "È innegabile che puntiamo in alto, secondo i nostri calcoli potremmo perdere ancora una partita"

“Per noi era importante rialzarci immediatamente, reagire e imparare dagli errori che abbiamo commesso nell’ultima partita. Volevamo giocare in maniera convincente”. E così è stato: l’Inter ha battuto a Cagliari i rossoblu con un sonoro 5-1. E Stefano Pioli non può che essere soddisfatto: “È innegabile che puntiamo in alto, perché le potenzialità ci sono e siamo l'Inter. Sarà molto difficile, ma abbiamo ripreso a correre. Sappiamo che abbiamo tanti scontri diretti e tante altre partite”. Solo “vincere sempre ci può permettere di rendere importanti gli scontri diretti. Nei nostri conti una potremmo ancora perderla...".

Trasferte ok - Convincenti le prestazioni dei nerazzurri anche lontano da San Siro: “È vero che avevamo vinto quattro trasferte nelle ultime cinque e che a Torino eravamo stati all'altezza, però i gol erano stati pochi. Oggi abbiamo avuto tante occasioni - ha detto nel post - dobbiamo ancora migliorare nella fase di non possesso palla e anche nella gestione nel secondo tempo vista la nostra qualità. Però è stata una reazione molto importante. Ora prepariamoci a un'altra settimana. Per noi tutte le gare sono importanti. Vogliamo provare a superare l'Atalanta in classifica".

Difesa flessibile - Contro il Cagliari, la retroguardia nerazzurri passata da tre a quattro: “Credo che siano l'interpretazione e la voglia di fare la partita a fare la differenza”, ha spiegato Pioli. “A volte è mancata precisione, a volte freddezza. Dobbiamo migliorare la percentuale di realizzazione. Capisco che D'Ambrosio e Candreva creano molto quando avanzano. Togliere un tempo di difesa ad Antonio è importante perché ha qualità, ma oggi anche a sinistra abbiamo fatto molto bene. Quando Banega scalava da quella parte ci dava superiorità. Dobbiamo cercare di essere imprevedibili, anche tra le linee. Oggi la fase offensiva è andata molto bene ma dobbiamo essere bravi anche quando perdiamo palla".

Sul futuro - "Mi auguro che mi crediate: non pesano certe voci”, ha assicurato a fine gara. “So benissimo che squadra alleno e che non ci sono mezze vie. O sei un fenomeno o sei da cambiare. È troppo importante il presente per pensare il futuro, che per noi allenatori è sempre legato ai risultati. Cerchiamo di dare il massimo fino al 28 maggio, poi tireremo le somme. I discorsi sui risultati valgono per tutti, non solo per me. Le critiche quando si perde ci sono per tutti, per me questa settimana non è stata diversa dalle altre”, ha concluso Pioli.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport