25 luglio 2017

Spal, Felipe: "Pensavo di chiudere la carriera a Udine"

print-icon
Felipe

Felipe (fonte sito ufficiale Spal)

Parla il nuovo difensore della Spal: "Pensavo di finire la carriera all'Udinese, ma l'appuntamento per il prolungamento non è mai arrivato. Sono rimasto colpito dalla chiamata del ds Vagnati, sono pronto a ripartire sempre con la stessa voglia"

Il 26 luglio il sorteggio del calendario di Serie A in diretta su Sky Sport e in live-streaming su skysport.it

Tanta voglia di ben figurare dopo il ritorno in Serie A, la Spal in difesa ha puntato sull'esperienza di Felipe. Il difensore ha lasciato l'Udinese dopo tanti anni per accettare il progetto della squadra di Ferrara. Un colpo importante per il direttore sportivo Vagnati, arrivato dopo una trattativa raccontata dallo stesso Felipe: "Pensavo di chiudere in bianconero – ha dichiarato il difensore brasiliano a La Gazzetta dello Sport - Avevo un rinnovo automatico che l’Udinese ha esercitato. E ho chiesto un colloquio per pensare a un prolungamento fino al 2019. Ho fatto bene per due stagioni, sono integrato a Udinese, ci ho creduto. Ma quell’appuntamento non è mai arrivato. È così mi sono guardato attorno. Spal? Il direttore Davide Vagnati sembrava che mi conoscesse da tempo. Mi è piaciuto il suo modo di fare, diretto. Mi ha trasmesso la tranquillità e la fiducia che cercavo ed eccomi a sudare con la solita passione. Se non mi alleno sto male. E dormo male. Vado oltre il classico programma estivo che ti viene lasciato con i tre richiami settimanali. Oltre ad aiutare Caterina nei suoi eventi e negli allestimenti matrimoniali".

"Ricomincio sempre con la stessa voglia"

Ed ora tanta voglia di far bene alla Spal: "Ho ricominciato troppe volte, sempre con la stessa voglia, anche dopo le delusioni di Firenze e gli anni difficili. Ora sto bene, anche psicologicamente che è la cosa più importante. Dopo aver risolto il contratto con il Parma che falliva, quei mesi all’Inter con Mancini mi hanno ricaricato a dovere. A Udine rimane quel rimpianto, il colloquio che non c’è stato". Sulla scuola italiana di difensori: “E' al tramonto. In Italia abbiamo perso una generazione di grandi marcatori, che sanno andare sull’uomo e sono rimasti solo Barzagli e Chiellini. Oggi il calcio è più tattico". Sulla stagione alla Spal: "Non si deve stare tutti dentro l’area. E si difende in 11. Ricordate Tevez alla Juve? Qui l’atteggiamento è giusto. Per il resto mi hanno raccontato che dovrò vivere in centro. Che la Spal ha una tifoseria pazzesca. Quando si attacca nella ripresa davanti alla Ovest c’è una forza in più. E mi dice che qui non si molla mai. Ma l’ho capito dal primo giorno".

I PIU' VISTI DI OGGI