Icardi, derby con tripletta davanti a Milito. L'ultimo a riuscirci fu proprio il Principe

Serie A

Nella partita più sentita dai tifosi, il numero 9 dell'Inter eguaglia l'eroe del Triplete, che segnò tre reti al Milan nel maggio 2012. Il suo precedessore, presente in tribuna, si è alzato in piedi ad applaudirlo a fine partita

Icardi come Milito. Per alcuni tifosi interisti è ancora un paragone impossibile. Eppure, proprio nella notte in cui il Principe è tornato a San Siro da spettatore, il confronto inizia a sembrare più che sensato. L'ultimo a segnare una tripletta in un derby, prima di Icardi? Proprio Milito. Era il 6 maggio 2012: due stagioni dopo il Triplete tre reti dell'argentino e un gol di Maicon permisero all'Inter di Stramaccioni di sconfiggere il Milan e consegnare il primo scudetto alla Juve di Conte. Tante cose sono cambiate da allora. Icardi arrivò all'Inter due stagioni dopo. Per lui, i gol non sono mai stati un problema: 87 in 154 presenze con la maglia nerazzura. Milito, che di partite con quei colori ne ha giocate 171, timbrò per 75 volte: la media premia il più giovane dei due. Finora di Icardi sono state messe in discussione soprattutto due cose: l'atteggiamento (non da leader, dicono) e la limitatezza del repertorio (fa tanti gol, ma non aiuta la squadra in altro modo). Due dubbi definitivamente fugati nella partita più importante. Icardi ha guidato i suoi alla vittoria, ha recuperato il pallone che ha portato alla seconda rete e ha mostrato di possedere gli attributi per calciare un rigore fondamentale all'ultimo minuto. Una prestazione da applausi, a tutto tondo. "Game recognizes game", dicono negli Stati Uniti. Che possiamo liberamente tradurre in "I campioni riconoscono i campioni". E infatti Milito, dopo il terzo gol, si è alzato in piedi ad applaudire il suo erede.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche