Fiorentina, Pioli: "Squadra in crescita, possiamo lottare per qualcosa d'importante"

Serie A
Stefano Pioli, allenatore della Fiorentina (fonte Getty)

L'allenatore viola dopo la vittoria col Sassuolo: "Avevamo bisogno di questo risultato per dare continuità al pareggio dell'Olimpico. Le prime fanno una classifica a parte, noi possiamo lottare con altre per qualcosa d'importante. Simeone-Chiesa? Lavorano per migliorare ancora"

Vittoria bella e convincente, la Fiorentina ne fa tre al Sassuolo confermandosi dopo l'ottimo pareggio dell'Olimpico contro la Lazio. Soddisfatto Pioli: "Serviva dare un senso al pareggio dell'Olimpico - ha dichiarato al termine della partita l'allenatore viola - La squadra mi è piaciuta, anche se devo rimproverare ai miei ragazzi i primi minuti della ripresa, dove non abbiamo girato palla come al solito e facevamo fatica ad uscire. Le prime cinque rappresentano una classifica a parte. Per le altre, compresi noi, ci sono molte possibilità di fare bene e di lottare per qualcosa di importante. Serve dare sempre il massimo, perché fare punti è difficile, con chiunque. La squadra sta crescendo, ma alla fine ce la siamo giocata con tutti, fatta eccezione per le brutte prestazioni contro Chievo e Crotone".

"Simeone-Chiesa? Lavorano per migliorare ancora"

Firenze sogna, con una coppia d'attacco giovane e di qualità formata da Chiesa e Simeone. "Se fra assist e gol sei già a quota nove, allora vuol dire che la tua partita la fai sempre – prosegue Pioli - Chiaro, ci sono anche altre cose nel calcio e loro sanno di poter crescere ancora. Ma stanno lavorando per raggiungere questo traguardo". Infine, una battuta su Iachini: "Ha preso in mano la squadra solo da qualche giorno, mentre noi lavoriamo insieme da cinque mesi. Dovevamo far vedere questa differenza e ci siamo riusciti. la squadra adesso ha una sua identità".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche