Filippini: "Qui per giocarmi le mie carte, vorrei restare alla Lazio"

Serie A
Lorenzo Filippini, terzino della Lazio (Getty)
filippini_getty

Il terzino biancoceleste ha parlato del suo futuro ai canali ufficiali del club: "Tutte le mie esperienze sono state positive e mi hanno aiutato a crescere. Ora si vedrà, Inzaghi è sempre lo stesso, restare alla Lazio sarebbe un sogno"

Il sogno di Lorenzo è sempre lo stesso, da anni, fin da quando gioca a calcio: restare alla Lazio e in prima squadra. Dopo aver vinto tutto con la Primavera, quest'anno è partito in ritiro con la prima squadra ad Auronzo di Cadore. Scalpita, suda, corre, vuole mettere in difficoltà Simone Inzaghi nelle scelte: "Lui è sempre lo stesso, io ora sono cresciuto e mi piacerebbe restare a Roma, sarebbe un sogno". Quello di anni fa. Intervenuto ai canali ufficiali biancocelesti, Filippini ha parlato delle sue esperienze, ma anche del suo futuro.

"Restare a Roma sarebbe un sogno"

"Inzaghi è sempre lo stesso: l'avevo lasciato affammato ed è rimasto tale. Rimanere a Roma è il mio sogno, so che non sarà facile perché la squadra è di livello e voglio fare bene. In Italia ci sono sempre meno difensori mancini, è vero. Voglio migliorare, impegnarmi il più possibile. Mi trovo meglio come terzo di difesa rispetto ad un terzino, sono un elemento meno di spinta e più difensivo, quindi riesco a svolgere meglio questo ruolo, è quello che ho ricoperto più volte nel corso della mia carriera: anche nell’ultima annata sportiva con il Pisa sono stato spesso utilizzato in questa posizione". 

"Io, Radu e la Lazio"

Continua Filippini: "Con Radu c’è un ottimo rapporto, bisogna rubargli il mestiere con gli occhi. La stagione dell'anno scorso è sotto gli occhi di tutti. Fa sempre i movimenti giusti, per noi giovani resta un ottimo esempio. I nuovi arrivati sono tutti validi e si mettono a disposizione, credo che faranno crescere la squadra. Sono in stanza con Lombardi, fra tutti e due non so chi faccia più casino in camera, ci conosciamo da anni!. Ci sono tanti compagni con cui sono cresciuto, conosco più o meno tutti, soprattutto lo staff. Si lavora in armonia ed è positivo. Ci sono tanti momenti difficili quando vai a giocare fuori, pensi tante volte di non farcela. Ma devi andare avanti per conquistare il tuo sogno”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche